Asia Argento su Fabrizio Corona: «L'ho visto due volte, lasciatecela vivere... Ma è troppo bello»

Asia Argento da Chiambretti rivela: «Fabrizio Corona? L'ho visto due volte, lasciatecela vivere... Ma è troppo bello»
di Emiliana Costa

Asia Argento vuota il sacco e rivela com'è nata la storia con Fabrizio Corona. L'attrice, ospite stasera a CR4 - La Repubblica delle Donne di Piero Chiambretti, parla dell'incontro con l'ex re dei paparazzi con il quale avrebbe iniziato una frequentazione. «Prima di tutto vorrei dire che Fabrizio l’ho visto due volte - spiega Asia - lasciatecela vivere e stiamo calmi. La nostra non è un’attrazione che deriva dal “fascino del male”, quanto dal caos. Fabrizio? Mi sono fatta l’idea di un uomo profondo, intelligente, che ha sofferto, con delle idee profonde e interessanti. Un po’ matto e caotico come me… E poi, è troppo bello».

L'attrice però ancora non si fiderebbe di lui: «Non bisogna necessariamente fidarsi per provare passione o fremiti nel cuore. Anzi, a volte il non fidarsi è ancora meglio. Io non voglio cambiare nessuno e spero che nessuno provi a cambiare me. Se cambierò, è solo perché lo deciderò io».



E quando le è stato chiesto come Corona l'avrebbe conquistata, Asia Argento avrebbe risposto così: «Fabrizio credo che si adatti un po’ in base a ogni donna. Con me lo fa parlandomi, raccontandomi la sua storia e condividendo le esperienze. Io ero molto legata a suo padre, Vittorio Corona, quindi avevo un occhio di riguardo per lui e conoscevo le sue origini nobili. Con il padre avevo un bellissimo rapporto, eravamo veramente amici. Non mi aveva mai presentato Fabrizio, ma un altro figlio. Quando vedo Fabrizio, sento che suo padre aleggia intorno a lui».

Ad Asia viene chiesto anche qual è, secondo lei, la più grande ingiustizia che ha ricevuto: «Il licenziamento (da X Factor, ndr) per qualcosa che non ho fatto. Certo, è stato un accordo amichevole, ma mi hanno licenziata tramite una mail. Non sono d’accordo con le scelte musicali che fa questo nuovo giudice e mi vergogno anche un po’ per lui».



L'attrice avrebbe parlato anche del botta e risposta con la madre riguardo la sua storia con Corona: «Io le ho risposto privatamente e lei ha pubblicato il mio messaggio. Vorrei stendere un velo pietoso perché credo che i panni, come si dice, dovrebbero essere lavati in casa propria. Mi dispiace di aver scritto quelle parole a mia madre, certo, ma non vado a riferire quello che lei ha detto a me. Sono rimasta di stucco e vorrei prendere le distanze da questa faccenda, la trovo allucinante».


Asia poi torna a commentare il caso Weinstein: «Io non ho fatto una denuncia, mi hanno chiamato due giornalisti per chiedermi di questa cosa, che avevo anche raccontato in un film. Alla domanda 'Ma è vero che Weinstein ti ha stuprata?' ho risposto di sì e sono fiera di averlo fatto perché è una cosa che ha aiutato tante altre donne. Non potevo immaginare questo tsunami, però è servito. Si è fatto un piccolo passetto avanti, su tante altre cose invece un passo indietro».

E su Jimmy Bennet avrebbe concluso così: «È una persona alla deriva. È la classica, al cinema si chiama, 'bellezza del ciucco'. Quando sei bambino sei un asinello, sei tanto bello poi non tutti riescono a fare il passaggio di diventare cavalli e di continuare la carriera. Io mi metto fra questi, perché anche io sono stata un’attrice e una bambina prodigio. Ho lavorato fin da piccola e ho avuto la fortuna di avere la longevità. Tanti ragazzi, tanti bambini che non ce la fanno, hanno dei risentimenti, di promesse non mantenute. E lui ha smesso a 13 anni».
Mercoledì 7 Novembre 2018, 20:23 - Ultimo aggiornamento: 07-11-2018 21:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP