Caterina Collovati contro Francesca Barra: «Il gossip fa parte della popolarità, inaccettabile attaccare i giornali»

Mercoledì 15 Luglio 2020
Caterina Collovati contro Francesca Barra: «Il gossip fa parte della popolarità, inaccettabile attaccare i giornali»
Battibecco in tv e social per Caterina Collovati e Francesca Barra, questa mattina ospiti di Ogni Mattina su Tv8 con Adriana Volpe e Alessio Viola. La Collovati con un post sul suo profilo Instagram ha fatto sapere di non essere d’accordo con la Barra: l’argomento di conversazione erano i flirt veri o presunti dei personaggi pubblici, ad esempio del presunto ‘triangolo’ tra Belen Rodriguez, Stefano De Martino e Alessia Marcuzzi.

«Non mi trovo affatto d’accordo con la collega Francesca Barra, presente insieme a me al dibattito, che sosteneva che i giornali non dovrebbero interessarsi delle relazioni intime di Belen, la Marcuzzi o chiunque altro - scrive Caterina Collovati - Peccato che talvolta, quello che finisce in copertina parta prima dai profili social dei diretti interessati, che ormai hanno confuso la loro camera da letto o la loro salle de bain con un set fotografico».

«Sono i primi a mostrare i fatti personali - continua - se volessero difendere la loro intimità basterebbe essere più riservati. Ciò che è inaccettabile è l’accusa rivolta ai giornali della mancanza di tutela dei minori presenti nelle coppie di cui si parla. Penso che i media abbiano tutto il diritto di fare cronaca, raccontare fatti, fare, in altre parole, il proprio mestiere. La tutela dei minori in questo caso dipende da chi li mette al mondo».

«I figli si proteggono mantenendo un profilo più discreto - scrive ancora la Collovati - Spetta ai genitori osservare atteggiamenti il più possibile corretti e seri e non esibire foto che possono diventare imbarazzanti di angoli di corpi e quant’altro (per quanto meravigliosi). Aggiungo inoltre che se si è personaggi pubblici si accetta tutto ciò che ne consegue. Il gossip fa parte della popolarità - conclude - ed è un prezzo che sovente si è felici di pagare pur fingendo fastidio. Vecchio stratagemma quello di colpevolizzare i giornalisti perché raccontano fandonie». Ultimo aggiornamento: 20:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA