Kelly bag, l’asta di Bozner Kunstauktionen strizza l’occhio al vintage e alla moda

Martedì 18 Maggio 2021
Kelly bag, l’asta di Bozner Kunstauktionen strizza l’occhio al vintage e alla moda

La borsa, accessorio piccolo, grande o piccolissimo, amato e indossato dalle donne di tutto il mondo e di tutte le età. Oggi considerato un vero e proprio investimento da fare in tempo di crisi, specie se parliamo di borse simbolo, rese celebri dalle dive di un tempo. Come la Kelly bag in coccodrillo nera della maison francese Hermès.

Il nome deriva proprio dalla bellissima principessa Grace, che ricevette la borsa nel 1954 per usarla nel film di Hitchcock Caccia al ladro e se ne innamorò all'istante. Due anni dopo, nel 1956, la moglie del Principe Ranieri utilizzò il Sac à Dépêches come copertura per nascondere la gravidanza della sua primogenita Carolina. La foto finisce sulla copertina di Life e da quel momento, per Hermès, niente sarà più come prima. Quella borsa senza nome, infatti, prenderà per sempre il nome della donna che l’ha resa celebre: Kelly.

Dal 1956 a oggi, la Kelly è diventata una delle borse più eleganti e amate al mondo e ancora ai giorni nostri il suo stile è fonte di ispirazione anche per i più grandi stilisti. Uno dei tratti distintivi è senza dubbio la chiusura metallica che prevede l’uso di una chiave, di solito nascosta nell’inserto in pelle attaccato al manico oppure attraverso la chiusura ermetica a lucchetto.

La Kelly è stata realizzata, successivamente, in 7 diverse misure: dalla mini Kelly alla Kelly 32 e rappresenta il modello più diffuso e più amato dalle celebrities. Anche Melania Trump ne ha indossato una dal valore di 70 mila euro nell’ultima apparizione da first lady mentre Chiara Ferragni ha scelto il modello più piccolo per dettare moda tra le influencer.

Quella che sarà messa all’asta a Bolzano, il 28 e il 29 maggio da Bozner Kunstauktionen, la casa d’aste altoatesina, è uno dei modelli più ricercati in assoluto, la Kelly nera in coccodrillo (stima 20mila – 40 mila euro).

«Accanto a nomi celebri dell’arte moderna : da Melotti, a Wharol fino a D’Anna e Beuys, abbiamo voluto aprire nella prossima asta anche una piccola sessione dedicata al Vintage e al Design – spiega il direttore della casa d’aste Stefano Consolati -. Sono 7 le borse all’incanto, 7 piccoli gioielli in pelle amati dalle donne e che al giorno d’oggi sono davvero considerate un investimento destinato a durare nel tempo. Provengono tutte da una collezione privata, sono state utilizzate pochissimo, praticamente sono come nuove».

Oltre alla borsa Kelly d Hermès, ci sono anche una borsa color senape di Cartier (stima 1000-2mila euro), due pochette di Fendi e Bulgari ( stima 500 -2000 euro), una borsa da sera di Fendi, con nervature trasversali e fermaglio color argento ( stima 2mila euro), due borse di Gucci, una in coccodrillo e un’altra con tracollla ( stime:1300 e 1500 euro) ed una borsa da viaggio di Chanel in pelle marrone (stima 2.000 euro).

Infine per gli amanti del Design in stile scandinavo, ecco i pezzi di arredo di Arne Vodder degli anni Sessanta: come la poltrona in teak e i divani prodotti per la France & Son. E ancora i tavolini da salotto in teak, tanto amati dagli interior designers. Chiudono la sessione di design una piccola collezione di lampade di Venini e di vetri di Murano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA