Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

M.IT.BRANDS, a Nola il fashion event internazionale: «Un’opportunità per rilanciare la moda»

Lunedì 20 Giugno 2022 di Alessio Liberini
M.IT.BRANDS, a Nola il fashion event internazionale: «Un’opportunità per rilanciare la moda»

Oltre 130 buyers, rappresentanti di 39 paesi provenienti da 4 continenti, circa 70 aziende campane e centinaia di incontri B2B programmati. Sono questi i numeri che anticipano la due giorni del fashion event internazionale M.IT.BRANDS Meet ITalian Brands. Si tratta della prima manifestazione in Italia dedicata al comparto dei brand producer. Partorita da Confindustria Campania e Nola Business Park CIS-Interporto Campano, in collaborazione con ICE-Agenzia Italiana per l'Internazionalizzazione, la kermesse andrà in scena il prossimo 27 e 28 giugno 2022 negli spazi del Nola Business Park.  La manifestazione gode, inoltre, della partnership con Sistema Moda Italia ed ha ricevuto i patrocini della Regione Campania, delle Zone Economiche Speciali della Campania (Zes) e della Camera di commercio di Napoli. Fiato sospeso quindi fino al prossimo lunedì quando, alle ore 10.00, si terrà la cerimonia di apertura a cui prenderà parte anche il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.

Video

Instaurare solide relazioni con i mercati esteri per consentire alle aziende nostrane, del comparto moda Francising&Retail, di far conoscere i propri prodotti e colloquiare con «gli addetti al settore moda» del resto del globo: è questa la mission di M.IT.BRANDS, manifestazione che punta, già dal suo anno di esordio, a diventare «un riferimento nazionale ed un appuntamento fisso annuale».

L’evento internazionale, promosso con un’apposita circolare ICE, rientra nei progetti finanziati proprio da ICE-Agenzia grazie ai fondi previsti per il Piano Export SUD II per riuscire a far esprimere a pieno il potenziale del comparto produttivo del fashion meridionale: già eccellenza per quanto riguarda creatività e qualità offerta.

Così, questa mattina, presso la Sala Salvatore D’Amato di Palazzo Partanna, sede di Confindustria Campania e dell’Unione Industriali di Napoli, è stato presentata al pubblico - alla presenza di Luigi Traettino, Presidente Confindustria Campania, Costanzo Jannotti Pecci, Presidente Unione Industriali Napoli, Claudio Ricci, Amministratore Delegato CIS S.p.A. – Interporto Campano S.p.A., Roberto Luongo, Direttore Generale ICE-Agenzia, il vice presidente vicario della Camera di Commercio di Napoli, Fabrizio Luongo, Luigi Giamundo, Delegato Confindustria Campania, Fulvio Guida, Direttore Commerciale Marketing CIS – Interporto Campano, Carlo Palmieri, VP Centro Sud Unione Industriali Napoli e Antonio Marchiello, Assessore Attività̀ Produttive - Lavoro - Demanio e patrimonio della Regione Campania - la lodevole iniziativa che si pone sfide autentiche per l’intero comparto: specialmente nel post pandemia e in questi tempi di incertezza visto l’odierno conflitto in Ucraina.

«Siamo convinti che questa sia un’opportunità per rilanciare la moda che, non dimentichiamo, è trainante nell’industria campana essendo seconda soltanto all’industria agroalimentare» osserva il Presidente di Confindustria Campania, Luigi Traettino.

«MITbrands è un'iniziativa importante – ribadisce Traettino - nella quale crediamo fortemente, e che abbiamo voluto promuovere, assieme a ICE e Nola Business Park CIS-Interporto Campano, per valorizzare uno dei distretti della moda più importanti a livello nazionale e non solo. A Nola avremo oltre 100 buyers provenienti da tutto il mondo, che avranno la possibilità di incontrarsi in tanti momenti B2B, che saranno utili a far conoscere al meglio le tante realtà campane operanti all'interno del Noia Business Park e magari a dar vita a nuove forme di partnership».

«Come certificato dalle annuali indagini della PricewaterhouseCoopers, nel NBP - sottolinea l'Amministratore Delegato di CIS/interporto, Claudio Ricci - vi è una notevole concentrazione di aziende leader nel settore tessile e abbigliamento. La gran parte di esse hanno trasformato i loro modelli di business, assecondando l'evoluzione del commercio e della distribuzione degli ultimi anni, verso il franchising e retail, e oggi primeggiano nelle classifiche a livello regionale, per fatturato ed ebitda».

«È la prima volta che anche noi facciamo gravitare su Nola e sul Mezzogiorno tantissimi operatori dall’estero che vengono a conoscere le imprese di Napoli e della Campania, ma non solo, per farle esportare di più» racconta Roberto Luongo, Direttore Generale ICE-Agenzia. «Il tema dell’internazionalizzazione – prosegue Luongo - diventa quindi un tema centrale e concreto. Portare 120 operatori è un qualcosa di molto importante. Su questo stiamo sviluppando, insieme a Confindustria Campania e al Cis di Nola, una serie di iniziative tese proprio a far internazionalizzare le imprese per portarle, successivamente a quest’iniziativa, sui mercati esteri».

La manifestazione si pone difatti, a tutto tondo, sulla scia della ripartenza post Covid per l’intero comparto che oggi fa rete al fine di «immaginare per un futuro, più prossimo possibile, un grande evento della moda a pari di quello che accade altrove (come a Roma e Milano ndr) con l’ambizione di fare cose in grande partendo da quello che è possibile fare» evidenzia Costanzo Jannotti Pecci, Presidente Unione Industriali Napoli. «Per far si – prosegue Pecci - che i nostri prodotti, alcuni già affermati a livello internazionale, possano trovare una vetrina adeguata attraverso un evento ricorrente da fare a Napoli che vede nella nostra città un’asset fondamentale come ci ha dimostrato il fatto che alcuni brand di spessore internazionale hanno già scelto Napoli, nel recente passato e anche nel presente, per la presentazione delle loro creazioni».

Una sinergia di spessore tra imprese, economia e territorio «per rilanciare il nostro prodotto all’estero attraverso la capacità di intercettare buyers importanti di tutto il mondo» osserva, invece, il vice presidente vicario della Camera di Commercio di Napoli, Fabrizio Luongo.

Ultimo aggiornamento: 17:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA