Pamela Quinzi e il sogno di ogni donna: «Un intero mondo fatto di scarpe»

Domenica 28 Febbraio 2021 di Luca Marfé
Pamela Quinzi e il sogno di ogni donna: «Un intero mondo fatto di scarpe»

Stilista e imprenditrice, nata e cresciuta a Roma, si è trasferita a New York nel 2009 e ha creato il suo marchio Kilame. Fatto di scarpe, abiti e accessori unici.

Pamela Quinzi, che cosa vuole rappresentare Kilame?

«Kilame è l’immagine di una principessa moderna che viaggia per il mondo indossando le mie creazioni. Una sorta di alter ego di me stessa, una via di mezzo tra realtà e sogno. La figura di una donna indipendente, forte, orgogliosa di mostrare chi è e cosa le piace senza timore, con uno stile di moda glamour e soprattutto originale, fatto di scarpe, abiti e accessori come fossero momenti: unici, irripetibili. Realizzati a mano, con un tocco pop mescolato ad un fascino retrò e barocco. Colori, materiali preziosi, pietre, cristalli, seta, fiori, ispirati alle tradizioni dell’Alta Moda italiana e all’energia e alle nuove idee che New York City ha portato come un uragano nella mia vita, nella vita che tutte le donne, chissà, forse sognano un po’».

In questi anni americani, quali sono stati i momenti più caratterizzanti della sua carriera?

«Le passerelle della New York Fashion Week e le facce delle celebrity di Hollywood. Carmen Electra, Tara Reid, Susan Sarandon, Blanca Blanco, Kyla Sorad (vincitrice di America’s Next Top Model), Az Marie Livingstone (Empire), Bai Ling, Christine Devine (Fox News), Emma Kenney (Shameless) e tante altre hanno indossato le mie scarpe sui leggendari red carpet di Oscar, Grammy, Emmy e Golden Globe. Ogni volta un’emozione  immensa per me. Anche in Italia mi sono vestita di grandi onori, con le mie creazioni indossate da donne straordinarie come Emma Marrone ed Elena D’Amario».

Pamela, che da oltre 10 anni vive a New York, ha prodotto e organizzato molte sfilate di moda ed eventi per promuovere il suo marchio Kilame.

Italian Fashion Talent Awards, giovani stilisti di scena a Salerno

Quali sono state in particolare le location della Grande Mela in cui ha sfilato il suo brand?

«Ho lavorato e avuto l’onore di far sfilare il mio brand nelle migliori location di lusso di Manhattan come: Empire Lounge all’interno del mitico Empire State Building, Fao Schwarz il negozio di giocattoli più famoso del mondo, The Plaza Hotel, le Nazioni Unite, l’Empire Hotel famoso nella serie tv Gossip Girl, Club 1OAK, Skyroom Rooftop, PHD Rooftop, Dream Hotel, Sea Port di fronte al ponte di Brooklyn e molti altri posti meravigliosi dell’iconica New York City. Una città “universo” in cui se hai voglia e talento può davvero succederti di tutto».

La “Cenerentola di New York”: cosa vuol dire questo soprannome per te?

«The Cinderella of New York, sì! È da sempre il mio nickname e nel 2019 ho pubblicato anche un libro al quale ho dato proprio questo titolo. La storia del mio viaggio, dall’Italia all’America, di come un paio di scarpe mi hanno cambiato e addirittura stravolto in meraviglia la vita. Il libro è disponibile ovunque, in Italiano, in inglese e in spagnolo. L’obiettivo è semplice e al tempo stesso enorme: ispirare le persone a rincorrere i propri sogni. In particolare le donne, magari su un paio di tacchi a spillo. Mai mollare, io sono arrivata negli Stati Uniti senza conoscere nessuno e sono davvero felice del percorso fatto fino a qui. Lo auguro con tutto il cuore a tutti».

Poi la dannata pandemia. Com’è cambiato il tuo lavoro?

«Durante la pandemia, in particolare durante il lockdown 2020, mi sono dedicata allo sviluppo del mio brand Kilame, ho messo in piedi il mio negozio online e ho ampliato il ventaglio delle mie creazioni, promuovendo giorno e notte il mio lavoro sui social media e continuando comunque ad andare avanti. Mi mancano molto i miei eventi e il contatto con il pubblico, ma ho cercato di non buttarmi mai giù, di trovare sempre nuove idee, alternative fresche».

Melapa Boutique è il tuo negozio online: com’è sviluppato?

«Nel mio negozio online Melapa Boutique si possono acquistare tutte le nuove creazioni Kilame: Made with Love. Kilame oggi è un brand completo. Donna, uomo, bambino, accessori e casa. Un vero e proprio mondo Kilame, in cui perdersi e divertirsi grazie ad un unico filo conduttore: le scarpe. Spiccano tra foto, disegni e grafiche. Da donna? Assolutamente imperdibili: “Le scarpe nelle scarpe!”. Una sorta di sogno, di esperienza di acquisto affascinante e di stili progettati girovagando per il mondo. Prodotti dalla moda al lifestyle. Un percorso inventato tra New York, Los Angeles, l’Italia, la Spagna e altre destinazioni mozzafiato. Estetica, disegni e foto esclusive delle mie scarpe, prima indossate dalle celebrity e adesso indossabili da chiunque, stampate su t-shirt, top, abiti e felpe…per tutte le “Shoe Lovers” del mondo!».

Dunque i viaggi, vera grande ispirazione del tuo brand.

«Sì: viaggi e design. Materiali di alta qualità, cotoni organici, stampe colorate e divertenti, design trendy e fashion per una Collezione Kilame da favola. Puoi vivere la magia di New York City attraverso grafiche rappresentative della città più affascinante del mondo, il calore della Spagna stampato in foto su maglie e vestiti, il mito di Hollywood e la bellezza dell’Italia presente in ogni dettaglio. Ogni capo della collezione racconta appunto un viaggio, una tradizione, quasi una favola. Mi piace immaginarmi e immaginare tutte le mie donne a metà tra moda e arte, nella mia #KilameNation, diventata un vero e proprio tormentone sui social».

Dopo tanto tempo, tanto tempo in Italia. Come sta vivendo questo momento di stasi forzata, cosa si augura per il futuro?

«Erano molti anni che non trascorrevo così tanto tempo in Italia, è un momento molto difficile per tutti nel mondo, come tutti spero giorno e notte che questa situazione migliori in fretta. Sono comunque felice di trascorrere tempo in famiglia, mi sono un po’ restituita a loro. Auguro al mondo di guarire presto e nel mio piccolo spero di infondere coraggio e di ispirare altre persone, soprattutto i giovani, martoriati più di chiunque altro dall’incertezza.
Non possiamo abbatterci: costi quel che costi, dobbiamo continuare a inseguire i nostri sogni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA