Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Al Bano: «I profughi ucraini sono a casa mia, mi hanno chiesto se ero davvero io. Putin? Non lo amo più»

Il cantante si collega telefonicamente per raccontare l'incontro con i profughi ucraini che ha scelto di accogliere e ospitare a Cellino San Marco

Venerdì 18 Marzo 2022
Al Bano a Oggi è un altro giorno: «I profughi ucraini sono a casa mia, mi hanno chiesto se ero davvero io. Putin? Non lo amo più»

Al Bano si collega telefonicamente con Serena Bortone a Oggi è un altro giorno per raccontare l'incontro con i profughi ucraini che ha scelto di accogliere e ospitare a Cellino San Marco. Il cantante si è adoperato per aiutare chi ha bisogno e ha messo a disposizione la sua casa come tanti altri concittadini. «Non sono un super italiano, sono un italiano come tanti che hanno il cuore in mano nei momenti del bisogno. Ho assistito a scene di grande solidarietà e umanità», le parole dell'artista.

 

Leggi anche > Putin e la paranoia del veleno: ora ha un team di assaggiatori personali

 

Al Bano a Oggi è un altro giorno

«Ho ospitato ragazzi di Chernobyl per anni e ho chiesto alla persona che se ne occupava se aveva ancora contatti con queste persone. Quando l'umanità trionfa mi sento un uomo degno di vivere. L'umanità è dentro di noi da quando siamo nati e va esercitata», aggiunge Al Bano, che risponde anche alle domande sul Covid contratto qualche mese fa: «Si è beccato un'albanite acuta. Io non me ne sono accorto».

 

Al Bano e i profughi ucraini

Poi, entrando nel dettaglio sull'incontro con i profughi ucraini, spiega: «Sono arrivati ieri sera. Una mamma con un bambino e due studenti. Lei è professoressa di psicologia e mi ha detto 'Ma è il vero Al Bano?'. Abbiamo mangiato insieme una bella spaghettata, fagioli, piselli, ceci. Io voglio che piano piano mettano radici in questo posto, non ho chiesto nulla della loro esperienza, è presto per andare in profondità». 

 

Al Bano e Putin

Al Bano commenta anche su quello che ha fatto e sta facendo Putin: «L'ho conosciuto, ho cantato per lui, questo Putin non lo riconosco, non lo amo più. Putin ha fatto risorgere la Russia, è stato anche candidato come possibile Nobel per la Pace e ora questo». Infine una battuta sulla figlia Romina, "affetto stabile" della trasmissione ma oggi assente: «Mia figlia ha fatto sciopero oggi. La stai vedendo più te di me».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA