Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Alina Kabaeva, l'amante di Putin riappare a Sochi (dimagrita) per la prima volta dopo le sanzioni dell'Ue

Venerdì 10 Giugno 2022
Alina Kabaeva, l'amante di Putin riappare a Sochi (dimagrita) per la prima volta dopo le sanzioni dell'Ue

Alina Kabaeva torna a mostrarsi in pubblico, dopo essere stata inserita nella black list dell'Unione europea, in quanto vicina a Vladimir Putin. L'ex ginnasta, che sarebbe segretamente la madre di due figli del presidente, è apparsa in un video che la ritrae a Sochi, località sul Mar Nero, in una scuola di ginnastica ritmica insieme a 28 bambini.

Rinominata la "Principessa invincibile", non appariva in pubblico dallo scorso aprile, quando partecipò a uno spettacolo televisivo. È solo la seconda volta che si fa vedere dall'inizio della guerra in Ucraina. L'agenzia di stampa Moskovsky Komsomolets ha aggiunto che Kabaeva è apparsa «molto dimagrita e abbronzata. Ha parlato con i bambini in pantaloni bianchi, una camicetta a maniche lunghe lilla e un cardigan abbinato».

La fidanzata di Putin Alina Kabaeva e gli ufficiali degli eccidi di Mariupol e Bucha nella nuova black list della Ue

Alina Kabaeva a Sochi

«Voglio esortare tutti a non arrendersi: raggiungi i tuoi obiettivi, non perderti d'animo», ha detto la Kabaeva, intervistata durante la sua visita alla scuola. In Russia nessuno la accosta a Putin, ma i governi occidentali continuano a sanzionare lei e la sua famiglia (compresa la nonna).

A maggio è stata inclusa nei pacchetti di sanzioni di Gran Bretagna, Stati Uniti e Canada. Per l'Ue è ufficialmente una «stretta collaboratrice» del presidente russo. Il suo è diventato un caso in Svizzera, dove avrebbe una casa e starebbe crescendo i due figli dello zar. Alcuni attivisti elvetici hanno aperto una petizione per richiedere che venisse espulsa. 

Ultimo aggiornamento: 12 Giugno, 09:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA