Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

MARIO DRAGHI

Bebe Vio Grandis a Draghi per i WEmbrace Games a Roma: «Mario, ti offro lo spritz. Porta la tuta»

Giovedì 12 Maggio 2022
Bebe Vio Grandis a Draghi per i WEmbrace a Roma: "Dai Mario vieni, ti offro lo spritz. Porta la tuta"

Bebe Vio Grandis invita Mario Draghi ai Wembrace Games di Roma, in programma il 13 giugno. Appuntamento allo Stadio dei Marmi, nella speranza che possa venire anche il presidente del Consiglio.

 

Video

 

Bebe Vio Grandis, l'invito a Draghi per i WEmbrace Games

L'invito ufficiale a Mario Draghi era stato rivolto già da Bebe Vio Grandis nell'intervista a Leggo: «Se devo dire un nome che mi piacerebbe davvero vedere allo Stadio dei Marmi, dico lui. Sarebbe un sogno se venisse, è una persona fantastica e mi piacerebbe davvero se vedesse con i suoi occhi un pezzo d'Italia bellissima. Io posso offrirgli uno spritz, ma se ha una tuta e vuole giocare è il benvenuto».

 

Bebe Vio Grandis, l'appuntamento con i WEmbrace Games

I WEmbrace Games sono l'appuntamento annuale dei 'giochi senza barriere' organizzati da Bebe Vio tramite l'associazione Art4Sport, fondata nel 2009 dai suoi genitori. La campionessa paralimpica è organizzatrice e madrina dell'evento, che vedrà sfidarsi otto diverse squadre (composte da 4 uomini, 4 donne, 4 bambini e 4 disabili). Tantissimi gli ospiti, da Martin Castrogiovanni a Jovanotti. La partecipazione è libera e gratuita, ma si potrà fare una donazione per sostenere tutte le attività di Art4Sport, che punta a favorire la pratica sportiva tra le persone con disabilità di ogni luogo d'Italia. Questo, in fondo, è il primo sogno di Bebe Vio e dei suoi genitori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA