Conto corrente illimitato per un errore della banca, studentessa spende 2 milioni di sterline e la fa franca

Conto corrente illimitato per un errore della banca, studentessa spende 2 milioni di sterline e la fa franca
Conto corrente illimitato per un errore della banca, studentessa spende 2 milioni di sterline e la fa franca
Martedì 13 Settembre 2022, 13:20 - Ultimo agg. 14:27
3 Minuti di Lettura

La banca commette un errore e le dà un conto scoperto, lei ne approfitta e spende 2 milioni di sterline. Christine Jiaxin Lee, studentessa di origini malesi, stava studiando ingegneria chimica in Australia e ha aperto un conto con la banca Westpac, ma dopo poco ha scoperto di avere un conto illimitato, così ha deciso di approfittarne.

Si è trattato di un errore della banca stessa che la 21enne non ha denunciato e ne ha approfittato arrivando a spendere 2 milioni di sterline. La giovane ha acquistato beni, tra cui un appartamento, versando anche parte di alcuni soldi su un altro conto, fino a quando però non è stata scoperta. Lee è stata accusata di frode, ma poi le accuse sono decadute e di lei si sono perse le tracce.

Christine pare abbia scoperto l'errore dopo 11 mesi, quando aveva ormai speso una cifra da record. Gli acquisti stravaganti della  21enne includevano borse firmate, vestiti, gioielli, telefoni cellulari e un'aspirapolvere, tutti articoli di marchi di lusso tra cui Chanel, Cartier e Christian Dior. L'errore è stato scoperto anche dalla sua banca che le ha chiesto spiegazioni pretendendo di far rientrare la cifra. La studentessa ha inizialmente detto che credeva che i soldi fossero stati versati dai suoi genitori, ma capendo che rischiava grosso ha rinnovato il passaporto ed è fuggita.

 

I fatti risalgono al 2015, quando il legale della giovane spiegò che si era trattato di un errore della banca e non della 21enne. Poi nel 2017 sono caduti i capi di accusa. Alla giovane sono stati sequestrati diversi beni ma pare che non ci sarà alcun procedimento legale nei suoi confronti. Quanto alla banca ha dovuto dichiarare il fallimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA