Parte per un weekend in Polinesia, ma resta bloccata per 18 mesi a causa della pandemia: «Qui il virus non è mai arrivato»

Mercoledì 18 Agosto 2021
Era andata a Conga per un fine settimana ma dopo 18 mesi è ancora bloccata lì

Ad oggi sono ormai passati 18 mesi da quando la Zoe Stephens, studentessa inglese, è bloccata a Tonga. La ragazza era andata in Polinesia per un fine settimana ma è rimasta lì a causa delle chiusure dei confini nazionali imposte con la pandemia. Nel Paese del pacifico il Covid non è arrivato e i suoi abitanti non hanno mai indossato una mascherina. A raccontare la sua storia è la CNN.

Bloccata in Polinesia per non tornare in Cina


Quando Zoe Stephens è volata a Tonga, nel Pacifico meridionale, lo scorso marzo, aveva intenzione di rimanerci solo per un weekend. Al tempo non sapeva che, durante quella che si sarebbe rivelata una lunga permanenza, avrebbe iniziato nell'isola un master in comunicazioni internazionali online e vissuto in una casa sulla spiaggia.

 

Originaria del Regno Unito, la 27enne viveva in Cina da due anni e mezzo ed era curiosa di visitare il paese polinesiano composto da oltre 170 isole del Pacifico meridionale. Tuttavia, quasi 18 mesi dopo, è ancora bloccata nel piccolo arcipelago, uno dei pochi posti al mondo non raggiunto dalla pandemia di Covid. «Non abbiamo avuto il Covid qui». «Probabilmente sono una delle poche persone al mondo che non ha mai dovuto indossare una mascherina prima», dice Stephens alla CNN Travel. «Non ho indossato una mascherina durante tutta questa pandemia. Penso che sarà piuttosto strano entrare in un mondo in cui così tante persone le indossano».

 

Green pass e viaggi, rientro dalle vacanze con certificato verde anche in zona bianca: ecco cosa cambia tra due settimane

 

La chiusure della pandemia


Quando la studentessa ha lasciato la Cina per visitare la Corea del Sud i casi Covid hanno iniziato ad aumentare nel paese mentre era via. E con l'aggravarsi della situazione sono state attuate le chiusure delle frontiere, Stephens ha deciso di continuare a viaggiare per evitare di doversi isolare in quarantena una volta tornata in Cina.

Stephens scoprì presto che Tonga sarebbe stata bloccata e non sarebbe stata in grado di andarsene per un po'. «Ci è voluta circa una settimana prima che i voli smettessero completamente di arrivare», dice. «Abbiamo avuto un blocco di tre settimane, che è stato davvero, davvero intenso. Potevi uscire di casa solo una volta alla settimana per andare a fare la spesa e ti hanno fatto togliere la targa e il nome della tua auto».
«Tutto in tutto il paese era chiuso. Negozi, ristoranti, tutto tranne uno o due negozi dispari».

Sardegna, ragazzi positivi al rientro dalla vacanza: «Dall'isola all'isolamento». Coperti da una sola dose di vaccino

 

Tonga ha dichiarato lo stato di emergenza nel marzo 2020 e da allora la nazione è rimasta chiusa ai cittadini stranieri. Durante quei primi mesi, Stephens era convinta che sarebbe stata in grado di tornare in Cina e aveva solo bisogno di tenere duro fino alla riapertura dei confini saltando persino un volo di rimpatrio dalle Tonga all'Europa.

 

 

Ultimo aggiornamento: 19 Agosto, 09:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA