Covid, investigatori privati sul lastrico: con restrizioni addio tradimenti e false malattie

Giovedì 25 Marzo 2021
Covid, investigatori privati sul lastrico: con restrizioni addio tradimenti e false malattie

«Tradimenti coniugali "vietati" con la zona rossa rischiano di lasciare sul lastrico gli investigatori privati. Non è una battuta, ma la triste realtà che vede anche assottigliarsi l'attività di controllo per chi si assenta sul lavoro». Lo dice, in un'intervista all'Adnkronos/Labitalia, Luciano Tommaso Ponzi, presidente di Federpol, Federazione italiana degli istituti privati per le investigazioni, le informazioni e la sicurezza.

Istat, crollo di matrimoni e divorzi: -80% e -60% lo scorso anno. Pesa l'effetto Covid

«Con le regole da seguire nelle aree rosse - ammette - è difficile tradire il coniuge e assentarsi dal lavoro per motivi di salute. Molte aziende, infatti, anche con 700 dipendenti, hanno ridotto a zero l'assenteismo perché se si va dal medico si è obbligati a fare il tampone che, se risulta positivo, obbliga a stare a casa 20 giorni perdendo parte dello stipendio». «Da una parte - fa notare - il Covid ha azzerato la "malattia del venerdì" che poi si agganciava al sabato e alla domenica, ma dall'altra è calata vertiginosamente la richiesta delle aziende di effettuare delle verifiche su eventuali false malattie». 

Reggio Calabria, marito mette su Facebook lo stato «sono single»: il giudice gli addebita la separazione

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 17:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA