Covid, si era risvegliato con la pelle nera: ecco come sta ora il medico-eroe di Wuhan

Martedì 27 Ottobre 2020
Covid, si era risvegliato con la pelle nera: ecco come sta ora il medico-eroe di Wuhan

Il suo caso aveva fatto il giro del mondo. Yi Fan, medico cinese di Wuhan che aveva preso il Covid curando i suoi pazienti nel cuore della pandemia, dopo l'aggravarsi dei suoi sintomi, si era risvegliato in un reparto di ospedale con la pelle di un colore diverso rispetto al suo colorito naturale. A causa di una cura a base di antibiotici molto pesanti, la sua epidermide era diventata di un colore tendente al nero. Assieme a lui era stato ricoverato anche un collega, il dottor Hu Weifeng, ma lui, a differenza di Yi Fan, non ce l'ha fatta ed è morto a inizio giugno dopo quattro mesi di agonia. Più fortunato il collega, che ora è tornato per la prima volta a mostrarsi in pubblico da quando il suo colorito è tornato alla normalità. 

Yi Fan, infatti, si è ripreso completamente e in alcuni video video pubblicati da Hubei Today, il medico ringrazia lo specialista di terapia intensiva che ha contribuito a salvargli la vita. In un altro video, pubblicato lo scorso 20 aprile, si vede il medico parlare tranquillamente con i giornalisti, anche se non ancora pienamente in grado di alzarsi dal letto dell'ospedale. Il dottor Yi è stato dimesso dall'ospedale all'inizio di maggio ed è tornato a vivere una vita normale. 

Il ricovero dei due medici era avvenuto lo scorso 18 gennaio. Entrambi sono stati portati prima all'ospedale polmonare di Wuhan e poi trasferiti alla filiale Zhongfa Xincheng dell'ospedale di Tongji, secondo l'emittente statale cinese CCTV. 

Il farmaco che è stato somministrato ai due dottori è il Polymyxin B, un antibiotico utilizzato solo in casi estremi. Il farmaco aveva causato una iper-pigmentazione della loro pelle, anche se inizialmente, il team medico pensava che quel colore scuro fosse causato da squilibri ormonali dopo che il virus aveva danneggiato il loro fegato. La strana condizione è poi completamente scomparsa, ma il loro caso è destinato entrare negli annali di medicina. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 28 Ottobre, 13:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA