Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Depressa dopo l'attentato al concerto di Ariana Grande, si uccide a 20 anni: il dramma di Eve

Lunedì 9 Agosto 2021
Depressa dopo l'attentato al concerto di Ariana Grande, si uccide a 20 anni: il dramma di Eve

Una fan di Ariana Grande che partecipò al concerto alla Manchester Arena il 22 maggio del 2017 è stata trovata morta nella sua camera da letto dopo aver sofferto di depressione e disturbo da stress post-traumatico a seguito dell'attentato. I genitori di Eve Aston, 20 anni, stanno raccogliendo fondi per il suo funerale dopo che suo padre l'ha trovata morta nella sua camera da letto a Finchfield, Wolverhampton. Sebbene la causa della sua morte rimanga sconosciuta, la famiglia ha detto che la ragazza aveva lottato contro i fantasmi di quella maledetta serata. Scrivendo sulla pagina GoFundMe, la madre di Eve, Amanda Aston, ha dichiarato: «L'attacco di Manchester ha avuto il suo peso poiché Eve era presente, tuttavia, la forza della musica di Ariana Grande l'ha aiutata sempre». La mamma ha poi descritto Eve come «rumorosa, divertente, bella e premurosa. Tutti quelli che conosceva li mettiva sempre davanti a se stessa, era una persona altruista».

La pagina GoFundMe ha già superato l'obiettivo di £ 4.500, raccogliendo £ 5.625 «per la sua famiglia affranta che non si aspettava di organizzare il funerale della figlia dato che aveva solo 20 anni», si legge. Aston ha detto al Birmingham Mail che sua figlia era sempre stata «un'anima allegra» con molti amici, ma che ha iniziato a soffrire di stress post-traumatico dopo aver assistito al concerto della Manchester Arena.

Attentato di Manchester, le preghiere della madre di una vittima in bottiglia per mare fino al Salento

«Eve era tornata sul posto per deporre fiori per commemorare le 22 morti», ha raccontato il papà. Aston ha aggiunto che Eve aveva faticato a iniziare a lavorare a causa della depressione. Nelle ultime settimane «aveva perso molto peso. Abbiamo il cuore spezzato».

L'attentatore suicida, Salman Abedi era stato definito «una minaccia alla sicurezza». La madre di una vittima ha fatto una campagna per l'introduzione della legge di Martyn, che richiede ai luoghi e alle autorità locali di avere piani d'azione contro gli attacchi terroristici.

Attentato di Manchester, la polizia inglese "scopre" 300 feriti in più

 

Ultimo aggiornamento: 11:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA