Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Eurovision, il commento choc della giornalista russa Yuliya Vityazeva: «Ci vorrebbe un missile nucleare su Torino»

Lunedì 16 Maggio 2022
Eurovision, il commento choc della giornalista russa Yuliya Vityazeva: «Ci vorrebbe un missile nucleare su Torino»

La vittoria dell'Ucraina all'Eurovision 2022 ha colpito la Russia quasi più delle sconfitte in guerra. Almeno nell'orgoglio. E non sono passate inosservate le parole di Yuliya Vityazeva, giornalista russa che su Telegram ha commentato così l'esito del contest: «Ci vorrebbe un missile nucleare Satan su Torino». La reporter pro-Putin è conosciuta in Italia per i suoi interventi in alcuni famosi talk show. L'esclusione della Russia dalla competizione e la vittoria della Kalush Orchestra (band spinta anche dall'appoggio di Zelensky che ha chiesto aiuto a Mariupol), non è andata giù a Mosca.

 

Kalush Orchestra, dopo l'Eurovision il cantante torna in Ucraina: «Pronto a combattere»

 

 

I commenti dei russi all'Eurovision

 

Il deputato russo Boris Chernyshov ha scritto su Telegram: «Tutti se lo aspettavano e sapevano in anticipo il risultato. È normale nella cultura dell’annullamento. Perché gli altri artisti non si sono inginocchiati? L’Ucraina è il nuovo Black Lives Matter», le sue parole. Sul sito web del quotidiano AiF, un editoriale del giornalista Vladimir Polupanov, etichetta la competizione come «falsa» e «noiosamente politicizzata». La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha criticato i Kalush Orchestra: «Senza la vittoria dell’Ucraina all’Eurovision il quadro di quanto è accaduto con questo Paese non sarebbe stato completo. Costumi nazionali e strumenti musicali nazionali, due Babe Jaghe (la strega delle favole nei paesi dell’Est, ndr) sulle corde, la break dance e urla su Azovstal. Tutto questo con l’Europa che applaude in piedi. Cali il sipario». 

 

 

Ultimo aggiornamento: 21:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA