Federica Pellegrini, laurea honoris causa all'Università San Raffaele di Roma: toga e tocco

Federica Pellegrini incoronata di alloro, la laurea honoris causa all'Università San Raffaele di Roma
Federica Pellegrini incoronata di alloro, la laurea honoris causa all'Università San Raffaele di Roma
Giovedì 29 Settembre 2022, 22:35 - Ultimo agg. 30 Settembre, 16:12
3 Minuti di Lettura

Grande giorno per Federica Pellegrini, che oggi ha ricevuto una laurea honoris causa all'Università San Raffaele di Roma. Un altro prestigioso traguardo per la campionessa olimpica che, a un anno dal suo ritiro dal nuoto, ora punta a costruirsi una carriera anche fuori dalla vasca blu.

Alba Parietti, gli auguri speciali a Silvio Berlusoni per i suoi 86 anni

 

Federica Pellegrini incoronata di alloro, la laurea honoris causa all'Università San Raffaele di Roma

Ad appena un mese dal matrimonio con Matteo Giunta, nella favolosa cornice di Venezia, l'atleta centra un altro obiettivo, stavolta accademico, e riceve l'alloro in Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate con una tesi dal titolo «La donna e la performance sportiva: come il ciclo mestruale può influenzarne la prestazione». In prima fila, a afare il tifo per lei, il marito Matteo, le amiche di una vita e, naturalmente, il presidente del Coni Giovanni Malagò.

 

Come mostrano alcune immagini pubblicate su Instagram dalla Divina, Federica ha ricevuto dalle mani del rettore Vilberto Stocchi il diploma di laurea con tanto di toga e tocco, come vuole la tradizione anglosassone, prima di discutere il suo lavoro di ricerca dedicato alle atlete donne. «Sarà solo quando tutti acquisiranno la consapevolezza che le atlete hanno potenzialità che vale la pena utilizzare per rendere più facile per loro allenarsi al meglio e sentirsi finalmente comprese che avremo fatto un passo avanti decisivo per rendere la carriera sportiva delle donne altrettanto stimolante e soddisfacente di quella dell’atleta maschio» ha spiegato nella sua lectio magistralis Federica, orgogliosa di avere contribuito ad abbattere uno dei tanti tabù sulle donne nello sport.

© RIPRODUZIONE RISERVATA