Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Figlia dipendente da Instagram, i genitori fanno causa a Meta: «Ha avuto disturbi alimentari e problemi mentali»

Venerdì 10 Giugno 2022
Figlia dipendente da Instagram, i genitori fanno causa a Meta: «Ha avuto disturbi alimentari e problemi mentali»

I genitori di una ragazza di New York di 19 anni hanno citato in giudizio Meta, la società madre di Facebook e Instagram, sostenendo che la loro figlia abbia sviluppato una dipendenza da Instagram che l'ha portata a un disturbo alimentare e ad altri problemi di salute mentale. Nella causa per lesioni personali, depositata lunedì presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto settentrionale della California, Kathleen e Jeff Spence di Long Island affermano che la loro figlia Alexis ha iniziato a utilizzare Instagram all'età di 11 anni, due anni in meno rispetto all'età minima richiesta da Instagram di 13 anni, e a loro insaputa. La ragazza avrebbe sviluppato una dipendenza dall'app social, che avrebbe causato lesioni tra cui «dipendenza, ansia, depressione, autolesionismo, disturbi alimentari e, in definitiva, ideazione suicidaria». 

«Il fatto che Alexis sia qui è davvero un miracolo perché abbiamo combattuto con le unghie e i denti per lei - ha detto Kathleen Spence a ABC News -. Abbiamo fatto tutto il possibile per lei. Le abbiamo fornito l'aiuto di cui aveva bisogno su più livelli e ci sono stati momenti in cui eravamo molto preoccupati per la sua sicurezza».

La testimonianza

Kathleen Spence, che ha anche un figlio di 13 anni, ha descritto i cambiamenti che lei e suo marito hanno visto nella loro figlia negli anni successivi. «Quando Alexis ha iniziato ad andare su Instagram senza il nostro consenso 11 anni, non sapevamo cosa stesse succedendo - ha detto -. Sappiamo solo che nostra figlia stava scomparendo. Lentamente, pezzo dopo pezzo, stavamo perdendo la nostra figlia amorevole e sicura di sé, e stava diventando depressa, arrabbiata, ritirata».

 

Ultimo aggiornamento: 11:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA