Incendi a Pantelleria, Giorgio Armani fa una maxi-donazione: ecco quanto ha dato

Giorgio Armani e la generosa donazione a Pantelleria dopo il maxi incendio sull'isola
Giorgio Armani e la generosa donazione a Pantelleria dopo il maxi incendio sull'isola
Venerdì 2 Settembre 2022, 18:02
3 Minuti di Lettura

Il cuore grande di Re Giorgio. Dopo il drammatico incendio che due settimane fa è divampato a Pantelleria, costringendo i turisti a lasciare le abitazioni e a rifugiarsi sulle barche, Giorgio Armani fa una generosa donazione di 500.000 euro.

Video

Giorgio Armani e la generosa donazione a Pantelleria

Lo scorso 17 agosto era presente anche lo stilista quando le fiamme hanno inghiottito ettari di vegetazione, terrorizzando la popolazione. Il couturier, che soggiorna sull'isola da quarant'anni e qui possiede una villa con 180 palme, non ha subito danni alla sua proprietà, ma è rimasto sconvolto dai maxi roghi e per questo ha voluto dare un contributo concreto alla "sua" Pantelleria.

«Frequento quest'isola ormai da quarant'anni, tanto da sentirmene a tutti gli effetti cittadino, eppure non smetto di sorprendermi per la qualità umana così unica e viva di quanti la abitano – inizia così la lettera inviata da Armani al sindaco di Pantelleria Vincenzo Campo e riportata da Ansa –. Le scrivo questo messaggio mosso da un sentimento di ammirazione e gratitudine per tutti coloro che – pompieri, carabinieri, forze dell'ordine, amministrazione comunale, istituzioni e volontari coinvolti –  hanno dato il loro contributo per spegnere il terribile incendio che ha colpito Pantelleria e che così tanto ci ha sconvolti. Rivolgo a lei il mio messaggio, da privato cittadino, nella speranza che lo estenda a tutti gli interessati».

Il sindaco ha già presentato allo stilista alcuni progetti su come spendere il mezzo milione di euro, investendo nelle attività della Protezione Civile, negli impianti idrici e nel recupero di terreni incolti per mettere al riparo l'isola da futuri incendi che, in quel caso, potrebbero essere fatali per il suo delicato ecosistema.

© RIPRODUZIONE RISERVATA