«Gli alieni sono già venuti a trovarci, ecco perché non lo rivelano»: l'annuncio dell'ufologo Usa

Venerdì 22 Febbraio 2019 di Marta Ferraro
Gli alieni sono già venuti a trovarci, lo sostiene un ufologo americano
Anche se ci sarebbero forti evidenze di visite extraterrestri sul nostro pianeta, gli episodi sarebbero rimasti segreti per decenni a causa di una cospirazione sovranazionale per proteggere lo status quo economico e geopolitico. Questo è quanto crede l'ufologo americano Steven Greer.

«Ci sono prove inconfutabili che ci stanno visitando e, onestamente, tutti coloro che partecipano ai progetti classificati di alto livello ne sono a conoscenza», sottolinea.

In un'intervista rilasciata RT, Greer, che è direttore del Centro per lo Studio dell'Intelligenza Extraterrestre, menziona il documentario Non riconosciuto del 2017. Il film è basato sui file del Disclosure Project - un'organizzazione creata da lui stesso nel 1993, il cui scopo è quello di rivelare una cospirazione da parte del governo degli Stati Uniti che nasconderebbe informazioni relative alla presenza di alieni.

A suo parere, questi dati non vengono resi pubblici all'opinione pubblica mondiale per mantenere l'attuale potere geopolitico.

«In verità, la segretezza non ha nulla a che fare con gli alieni, ma è dovuta interamente al potere geopolitico e al denaro, come sempre», dice.

Per questo, l'ufologo ritiene che esiste un consenso internazionale tra le élite che determina la politica di informazione in materia di extraterrestre. «Sono controllati da un'organizzazione transnazionale e non ci sono confini geopolitici», ricorda.




 Ultimo aggiornamento: 23 Febbraio, 18:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA