Ilda Boccassini e la storia segreta con Falcone: «Me ne innamorai, quella notte in aereo ad ascoltare Gianna Nannini»

L'ex magistrato svela nel suo libro "La stanza numero 30" la relazione con Falcone che conobbe negli anni'80: "Temevo quel sentimento"

Giovedì 7 Ottobre 2021
Ilda Boccassini e la storia segreta con Falcone: «Me ne innamorai, quella notte in aereo ad ascoltare Gianna Nannini»

Nel suo libro «La stanza numero 30» Ilda Boccassini , uno dei magistrati più famosi d'Italia, rivela particolari inediti sul rapporto che la legava a Giovanni Falcone, il giudice anti-mafia che conobbe negli anni ‘80. Una storia d'amore finora tenuta nascosta raccontata per la prima volta nella sua biografia. 

Scrive del magistrato, ma anche dell’uomo e del fascino che lo circondava. «Me ne innamorai. È molto complicato per me parlarne. Sicuramente non si trattò dei sentimenti classici con cui siamo abituati a fare i conti nel corso della vita. No. Il mio sentimento era altro e più profondo, non prevedeva una condizione di vita quotidiana, il bisogno di vivere l’amore momento per momento. Ero innamorata della sua anima, della sua passione, della sua battaglia, che capivo essere più importante di tutto il resto. Sapevo di non poter condividere con lui un cinema o una gita in barca, pur desiderandolo, ma non ero gelosa della sua sfera privata, né poteva vacillare la mia. Temevo che quel sentimento potesse travolgermi. E così in effetti sarebbe stato, perché lo hanno ucciso». Il giudice antimafia morì nella strage di Capaci il 23 maggio 1992.

Berlusconi, le ex olgettine lo accusano: «Ci ha rovinato la vita, ora stia a casa a fare il nonno»

E poi racconta dei tanti incontri, di lavoro e no. Dalla giornata al mare all’Addaura, nell’estate del ‘90, e di quando lui la invitò a tuffarsi. «...io pensai alla messa in piega appena fatta. Pensieri da donna che non mi fermarono e lo raggiunsi. Giovanni prima mi prese la mano, poi la lasciò e cominciammo a nuotare verso l’ignoto...».«Nel ‘91 - continua - andammo in Argentina per interrogare un boss: passammo la notte abbracciati in aereo ascoltando Gianna Nannini e dedicandoci di tanto in tanto a dettagli dell’interrogatorio. Che notte...».

 

 

Ultimo aggiornamento: 17:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA