Le influencer italiane: «Ci serve il sindacato. Ambiente di squali, i rischi sono altissimi»

Mercoledì 28 Aprile 2021 di Ilaria Ravarino
Le influencer italiane: «Ci serve il sindacato. Ambiente di squali, i rischi sono altissimi»

Un sindacato degli influencer italiani, per tutelare i diritti di chi lavora con i selfie e le stories e colmare il vuoto di regolamentazione su tariffe e oneri fiscali. La proposta, lanciata dall'influencer campana 25enne Mafalda De Simone (176.000 follower su Instagram), punta a replicare anche nel nostro paese il modello statunitense e anglosassone, dove dal 2020 le sigle AIC (American Influencer Council) e TCU (The Creator Union) regolano...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
© RIPRODUZIONE RISERVATA