Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ivan, portiere italiano di origini russe, si arruola in Ucraina: «Sarà una missione suicida»

Mercoledì 23 Marzo 2022
Ivan, portiere italiano di origini russe, si arruola in Ucraina: «Sarà una missione suicida»

Si chiama Ivan Luca Vavassori, ha 29 anni e fa il calciatore, nel ruolo di portiere. Il suo primo nome di battesimo 'tradisce' le origini russe, anche se è italiano da quando è stato adottato da una famiglia piemontese. E all'improvviso, ha deciso di appendere i guanti da portiere al chiodo per unirsi alla resistenza ucraina. Una scelta di vita radicale, nonostante la guerra stia volgendo ampiamente a favore della Russia: «Sarà una missione suicida».

Leggi anche > Ucraina, Kiev: «Convoglio umanitario destinato ai profughi sequestrato a Mariupol dai russi»

Ivan, portiere di origini russe, nella resistenza ucraina

Ivan Luca Vavassori, 29 anni, è nato in Russia ma quando ne aveva cinque fu adottato da una famiglia piemontese. Il suo papà adottivo è Pietro Vavassori, imprenditore e titolare dell'azienda di trasporti ItalSempione. La sua mamma adottiva, Alessandra Sgarella, è morta nel 2011 e nel 1997, appena concluso l'iter per la sua adozione, fu rapita per sette mesi dalla 'ndrangheta. In Italia, sin da bambino, si era appassionato al calcio, iniziando anche una discreta carriera da portiere professionista: prima la Serie C con Legnano, Pro Patria e Bra, poi l'avventura all'estero, in Bolivia, con il Real Santa Cruz. All'improvviso, però, l'invasione russa in Ucraina ha spinto il portiere di origini russe a prendere una decisione drastica: arruolarsi con la resistenza della brigate internazionali. Prima ha raggiunto Leopoli, poi la capitale Kiev, dove è stato sottoposto ad un breve addestramento. Infine, è stato mandato in prima linea con altri volontari giunti dall'estero per combattere al fianco della resistenza ucraina.

Ivan, di origini russe ma in guerra per l'Ucraina: «Sarà una missione suicida»

Appena giunto in Ucraina, Ivan Luca Vavassori aveva iniziato a raccontare la propria esperienza con alcuni video su TikTok. Nell'ultimo filmato postato, il portiere italiano di origini russe ha spiegato di essere in costante pericolo, anche perché la Russia continua a conquistare terreno. «Questo sarà il mio ultimo video non so per quanto tempo. Se riuscirò farò avere mie notizie il prima possibile. Sperando che tutto vada bene. Qui comando un gruppo di ragazzi, mi sono conquistato questo ruolo direttamente sul campo: faccio parte della fanteria, sono un assaltatore. Ci aspetta una missione suicida: la Russia ha conquistato il 90% del Sud dell'Ucraina e il Nord è sotto i bombardamenti» - spiega Ivan - «Siamo riusciti a rubare blindati, bazooka e altre armi ai russi, poi ci siamo fermati. Non sappiamo cosa è successo, è venuto un maggiore a dirci che vuole le truppe in difensiva. Io e i miei uomini abbiamo detto che non vogliamo essere bombardati».
Ivan Luca Vavassori sembra perfettamente consapevole dei rischi ma spiega di non temerli: «Con il maggiore abbiamo deciso che attaccheremo in solitaria, senza che nessuno sappia niente. La nostra sarà una missione suicida perché abbiamo pochissime unità contro un intero esercito. Sarà un suicidio totale, ma preferiamo provare. Morire 20 anni prima o 20 anni dopo importa poco, quel che importa è morire bene. Soltanto allora inizia la vita».

Ultimo aggiornamento: 17:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA