Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Linda Evangelista, le foto della top model sfigurata dalla chirurgia: «Non mi nascondo più»

Giovedì 17 Febbraio 2022
Linda Evangelista, la top model mostra le foto dopo la chirurgia "ecco cosa mi è successo"

Negli anni '90 era una delle modelle più fotografate al mondo e da cinque anni vive nascosta in casa. Ora però rompe il silenzio: «Basta nascondermi» ha detto la top model Linda Evangelista, 56 anni, mostrando per la prima volta in esclusiva a People le foto del suo corpo sfigurato dalla chirurgia estetica e raccontando per la prima volta il dolore fisico ed emotivo di questi anni.

«Voglio condividere la mia storia per smettere di vergognarmi, per imparare ad amarmi di nuovo e ad aiutare gli altri in questo processo» ha scirtto la supermodella in un post su Instagram annunciando l'evento. 

Il racconto di Linda «Un incubo, dolore fisico ed emotivo»

L'incubo di Linda è iniziato nel 2015 quando si è sottoposta a un intervento di rimozione del tessuto adiposo CoolSculpting (criolipolisi) che l'ha lasciata "brutalmente sfigurata" e "permanentemente deforme" a causa del manifestarsi di un effetto avverso raro, la PAH, iperplasia adiposa paradossale. Dopo tre mesi dall'intervento la modella ha iniziato a notare rigonfiamenti sul mento, sulle cosce e all’altezza del reggiseno: le aree che voleva ridurre si sono improvvisamente gonfiate, diventando dure e hanno perso sensibilità. Inizialmente Linda ha pensato di aver sbagliato qualcosa, si è sottoposta a ulteriori diete ed esercizi fisici e a due liposizioni, indossando anche «indumenti a compressione, guaine e sottogola per otto settimane» ma i rigonfiamenti tornavano.  «Le protuberanze sono dure» ha spiegato a People «e se cammino senza un busto quando indosso un vestito ho degli sfregamenti fino al punto da sanguinare. Non è grasso morbido ma duro». Ha anche raccontato che non riesce più a tenere le braccia stese lungo il corpo. «Non mi guardo allo specchio non sembro io». 

Naomi Campbell posa su Vogue con la figlia per la prima volta: «Non è stata adottata»

Cristiano Ronaldo, Georgina Rodriguez e il lato "brutto" del successo: «Mi manca un vita normale, vorrei andare al supermercato»

Cosa è il CoolSculpting e l'effetto avverso che ha sfigurato la modella 

La criolipolisi o Coolsculpting è una pratica di chirurgia estetica. La PAH, iperplasia adiposa paradossale è un raro effetto collaterale che si manifesta nell’1% dei pazienti. Provoca un irrigidimento e un’espansione del tessuto adiposo invece che una riduzione. Il probelma è permanente in quanto le aree interessate diventano meno sensibili alla liposuzione. 

Zeudi Di Palma, Miss Italia 2021: «Scampia è bellezza, altro che Gomorra»

«Ora voglio raccontare la mia storia»

La top model ha fatto causa alla società proprietaria del brevetto della procedura, chiedendo 50 milioni di dollari di danni e sostenendo di non essere più stata in grado di lavorare dopo le sessioni di CoolSculpting.  Come racconta a People l'intervento è stato per lei un danno materiale, ma soprattutto psicologico:  «Mi piaceva sfilare, ora invece tremo al pensiero di incontrare qualcuno che conosco» ha raccontato «Perché sentiamo il bisogno di fare queste cose al nostro corpo? Ho sempre saputo che sarei invecchiata e so che il corpo va incontro a cambiamenti ma non avrei mai pensato di apparire così». Di fronte a questa situazione, la top model ha perso la sua identità: «Lei - intendendo la super modella Linda Evangelista. - è come se fosse scomparsa».

Ora però dopo anni di sofferenza è pronta a riprendere in mano la sua  vita e a raccontare la sua storia: «Non posso più vivere in questo modo, nascondendomi e nella vergogna. Non posso più vivere con questa pena. Ora voglio parlare».

Ultimo aggiornamento: 15:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA