Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Manager licenzia dipendenti e poi condivide su LinkedIin foto in lacrime: «È colpa mia»

Sabato 13 Agosto 2022
Manager licenzia dipendenti e poi condivide su LinkedIin foto in lacrime: «È colpa mia»

«È colpa mia». Un manager di un'azienda americana ha licenziato i dipendenti e poi condiviso sui social foto in lacrime. Una scelta che ha diviso chi ha letto il suo messaggio. Su LinkedIn, dove si può leggere il testo di quanto ha voluto condividere il CEO statunitense, è arrivata una valanga di commenti. Non sempre positivi.  

Manager licenzia dipendenti e poi condivide foto social, chi è

Si chiama Braden Wallake ed è il CEO dell’azienda americana Hyper Social. L'azienda, come si legge sul profilo, è «costruita intorno agli obiettivi e ai desideri di altre aziende aumenti la soddisfazione dei clienti, incoraggi la crescita e incrementi la quota di mercato». Si cerca di scoprire «l'unicità del marchio e le opportunità vitali». Questo approccio collaudato sfrutta la pubblicità online, diretta e di massa, le piattaforme web, le esperienze di marca e altro ancora per convertire i potenziali clienti in aziende.

Il messaggio che fa discutere

«Questa sarà la cosa più vulnerabile che condividerò mai - ha scritto il manager -. Sono stato a lungo indeciso se pubblicare questo post oppure no. Ho dovuto licenziare alcuni dei nostri dipendenti. Ho visto molti licenziamenti nelle ultime settimane su LinkedIn. La maggior parte di questi sono dovuti all'economia Nel nostro caso? Un mio errore di cui sono responsabile. Ho preso una decisione a febbraio e sono rimasto fedele a quella decisione per troppo tempo. Ora so che la mia squadra dirà che "abbiamo preso questa decisione insieme", ma sono io quello che prende le decisioni. E a causa del mio errore ho dovuto fare oggi la cosa più difficile che abbia mai dovuto fare. In giorni come oggi, vorrei essere un imprenditore guidato solo dal denaro che non si preoccupa di chi ferisce lungo la strada. Ma non lo sono. So che non è professionale dire ai miei dipendenti che li amo. Ma dal profondo del mio cuore spero che sappiano che lo faccio. Ognuno. Ogni singola storia. Ogni singola cosa che li fa sorridere e ogni singola cosa che li fa piangere. Le loro famiglie. I loro amici. I loro hobby. Ho sempre assunto persone in base a chi sono come persone. Persone con grandi cuori e grandi anime. E non riesco a pensare a un momento peggiore di questo".

Ultimo aggiornamento: 14 Agosto, 23:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento