Meghan Markle, il libro non sfonda in Gran Bretagna e lei è costretta a fare pubblicità

Giovedì 17 Giugno 2021 di Riccardo De Palo
Meghan Markle, il libro non sfonda in Gran Bretagna e lei è costretta a fare pubblicità

Meghan Markle, nelle vesti di autrice per bambini, comincia a spendersi in promozione. Il suo libro illustrato, “The Bench”, ha conquistato la lista dei bestseller del New York Times, ed è primo tra gli illustrati per l’infanzia, mentre nel Regno Unito fatica a entrare nella classifica dei primi 50 libri più venduti. Nel suo sito Archewell, la duchessa ha ringraziato i lettori, e ha scritto che il suo libro descrive “un altro lato della mascolinità”. 

 

«Questo poema - ha scritto Meghan inizia come una lettera d’amore a mio marito e mio figlio, e sono felice di vedere che i suoi temi universali, amore, rappresentanza e inclusione, si stiano rispecchiando nelle comunità, ovunque. In molti casi, avere come obiettivo un mondo più equo e compassionevole comincia da questi valori fondamentali». 


 

Meghan si è spinta a suggerire che «ritrarre un altro modo di essere maschi - fatto di connessione, emozione, e dolcezza - significa dare forma a un mondo che molti vorrebbero vedere per i propri figli e figlie». 

 

Nel Regno Unito, puntualizza con malizia il Daily Mail, il libro dedicato al principe Harry nel giorno della festa del papà, con l’intento di esplorare «lo speciale legame tra padri e figli visto dagli occhi di una madre» ha venduto 3212 copie nella prima settimana di uscita, contro le 10.564 del volume del calciatore del Manchester United  Marcus Rashford. II libro arranca dunque nel Regno Unito - dove il riuscitissimo “Il club dei delitti del giovedì” di Richard Osman continua a essere primo in classifica, per la quarta settimana di seguito.

LEGGI ANCHE: Meghan Markle accusata di avere copiato: «Il suo libro per bambini è uguale a quello di un'altra autrice»

Gli esperti si aspettano però un maggiore successo nelle vendite internazionali (molti nel Regno Unito non perdonano a Meghan di avere convinto Harry a lasciare il Paese) e la casa editrice Penguin Random House Children potrebbe puntare a traduzioni straniere. Ma si è trattato di un vero flop? Alcuni, come Tom Tivnan del Bookseller magazine, sostengono di no, perché questo tipo di libri non rappresenta mai un vero fenomeno di vendite alla prima uscita. Si tratta infatti di long seller, che vengono acquistati costantemente nel corso del tempo, a differenza di tanti titoli tradizionali. 

Nel libro, scritto e illustrato prima della nascita della secondogenita di Harry e Meghan, lo scorso 4 giugno, figura anche la piccola Lilibet “Lili” Diana. 

La regina Elisabetta ordina ai suoi funzionari di rispondere a ogni "bugia" di Meghan e Harry

Nel Regno Unito continuano intanto a tenere banco le voci di una possibile partenza di Meghan e Harry per Londra, dove il prossimo primo luglio si terrà l’inaugurazione del monumento dedicato alla principessa Diana. In mancanza di conferme, il fratello di Lady D, il conte Charles Spencer, fa sapere di non vedere l’ora di poter incontrare la nipotina (che, per ora, non è stata mostrata neanche in fotografia). La statua dedicata a sua sorella, nei giardini di Kensington Palace, si rivelerà l’occasione giusta?

Ultimo aggiornamento: 16:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA