Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lancia un messaggio in bottiglia: ritrovato anni dopo al largo delle Bahamas, a oltre 3.700 km

Domenica 24 Luglio 2022 di Elena Fausta Gadeschi
Lancia un messaggio in bottiglia: ritrovato anni dopo al largo delle Bahamas, a oltre 3.700 km

Oltre 3.700 km in sei anni. Tanto ha viaggiato il messaggio dentro a una bottiglia gettata nell'Oceano Atlantico il 28 marzo del 2016 dal livornese Leonardo Bellini e ritrovata poche ore fa alle Bahamas, sulla costa Est dell'isoletta di Man-O-War Cay, da Kathleen Scott, una distinta signora del Missouri.

Ilary Blasi torna a Sabaudia, prima volta senza Totti dopo 20 anni: la spiaggia è ai suoi piedi

Usa, busto dell'antica Roma ritrovato in Texas e acquistato per 35 dollari: l'incredibile scoperta

Il messaggio ritrovato sei anni dopo

Passeggiando lungo la spiaggia, la donna si è imbattuta nella curiosa bottiglia di vetro, l'ha aperta e con sua immensa sorpresa vi ha scoperto un messaggio nascosto che Leonardo aveva scritto anni prima, di ritorno da una gita in barca a vela alla Martinica.

Imbarcatosi su di una barca a vela di lusso da 100 piedi (30 metri circa) insieme ad un equipaggio e a un suo caro amico, al servizio di una facoltosa famiglia italo-svizzera che trascorre abitualmente le sue vacanze invernali girovagando nei Caraibi, Leonardo Bellini aveva pensato bene di lanciare in mare un messaggio con un proprio autoritratto e i propri recapiti telefonici, nella speranza che qualcuno potesse ritrovarlo e rispondergli.

«Ho messo tutto all’interno di una bottiglia di vino con vetro scuro che potesse per lo meno preservare i fogli all’interno da qualche raggio solare – racconta dalle colonne di QuiLivorno.it –. Poi ho usato un tappo di sughero sintetico inserendolo a raso all’interno del collo della bottiglia come se fosse nuova ancora da aprire per intenderci, e infine ho sigillato tutto con della cera calda fatta freddare. E ho visto così prendere il largo alla mia bottiglia in mezzo al mare».

Diviso tra il dubbio di non essere mai più ricontattato e la speranza di poter imbattersi un giorno nella sua bottiglia, Leonardo Bellini ha continuato la propria vita di sempre, come dipendente dell'Unicef a Roma nel settore comunciaizone, oltre che come istruttore di vela, imprenditore e titolare delle birrerie Piano B e Piano C a Venezia e a Livorno. Fino a quando poche ore fa non ha ricevuto un curioso messaggio da un numero statunitense.

«Ehi, sei tu quel Leonardo Bellini che fece la traversata dalla Martinica all’Italia e ha lasciato questo messaggio in una bottiglia?» scrive Kathleen Scott, emozionata e sorpresa quanto lui. «Da una parte mi spiace che il suo percorso sia finito e quella dolce e remota speranza si sia interrotta, seppur positivamente, da un’altra considero questa storia tra le più belle e incredibili della mia vita – racconta l'uomo –. Non mi resta che incontrare Kathleen e recuperare il messaggio». In attesa di incontrare di persona Kathleen, Leonardo programma il suo prossimo viaggio, stavolta destinazione Bahamas.

Ultimo aggiornamento: 25 Luglio, 16:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA