Michael Schumacher compie 52 anni, come sta l'ex campione della Ferrari 7 anni dopo l'incidente

Domenica 3 Gennaio 2021
Michael Schumacher compie 52 anni, come sta l'ex campione della Ferrari 7 anni dopo l'incidente

Michael Schumacher compie oggi 52 anni. L'ex campione di Formula 1, capace di portare la Ferrari ad un dominio pressoché incontrastato, non si è mai ripreso completamente dal terribile incidente sulla neve di Méribel, avvenuto ormai sette anni fa.

Era il 29 dicembre 2013 quando Michael Schumacher, in un fuoripista, scivolò e batté violentemente la testa contro una roccia, con un impatto così violento da rompere il casco e causargli danni cerebrali che lo lasciarono in coma per sei mesi. Una volta uscito dal coma, l'ex campione tedesco ha iniziato una lunga, delicata e complessa riabilitazione, che dura ancora oggi e che non gli permette ancora di tornare ad una vita normale.

La domanda che tutto il mondo si fa da sette anni è semplice: come sta Michael Schumacher? La risposta, tuttavia, è un vero rebus. La moglie Corinna, che lo assiste con forza e dignità da sette anni, ha sempre voluto mantenere il massimo riserbo sulle sue condizioni. Finora, la famiglia Schumacher è riuscita a isolare Michael dal resto del mondo: sono pochissime le persone che possono andare a fargli visita ed è categoricamente vietato diffondere notizie sulla sua salute. Di tanto in tanto, però, sono uscite notizie frammentarie che in qualche modo possono aiutare a capire le condizioni di Michael Schumacher.

 

 

Un po' tutte le persone vicine alla famiglia hanno rispettato in maniera inflessibile il volere della moglie Corinna. Si pensi ad esempio all'amico Jean Todt, che lo ha visto spesso in questi sette anni ma si è limitato ad un commento incoraggiante ma scarno di dettagli: «Michael continua a combattere, tutti sappiamo che l'incidente ha avuto conseguenze pesanti ma non ho intenzione di aggiungere altro». Anche un altro ex ferrarista, il pilota e collaudatore Luca Badoer, aveva spiegato: «Mi fa male pensare a lui, ma non dirò una sola parola sulle sue condizioni». Molto più precise, ma mai confermate, le parole di Erich Riederer, neurologo svizzero di fama mondiale: «Temo sia in uno stato vegetativo irreversibile. Respira, il cuore batte, forse può anche sedersi se aiutato, ma non di più».

 

Una testimonianza importante sulle condizioni di Michael Schumacher era arrivata recentemente da Elisabetta Gregoraci. L'ex moglie di Flavio Briatore, l'uomo che portò l'ex pilota tedesco per la prima volta alla vittoria di un Mondiale con la Renault, al Gf Vip aveva infatti rivelato: «Può comunicare solo con gli occhi grazie a un macchinario speciale. Solo così si può capire se è cosciente o meno e possono andare a fargli visita solo tre persone, io so chi sono».

 

Michael Schumacher aveva passato i sei mesi di coma all'ospedale di Grenoble, poi per l'ex pilota tedesco era giunta una lunga serie di trasferimenti, dalla casa di famiglia di Gland, in Svizzera, fino alla villa di Maiorca in cui si trova ancora oggi. Nonostante la riservatezza chiesta costantemente dalla famiglia in questi anni, poco più di un anno fa il quotidiano francese Le Parisien aveva rivelato che Schumacher aveva iniziato una serie di trattamenti a base di cellule staminali per aiutare il corpo a rigenerarsi. E ancora, più recentemente, un altro ex ferrarista come Felipe Massa aveva spiegato: «So come sta realmente, abbiamo avuto sempre un rapporto molto stretto. La situazione è complicata, sogno e prego che possa guarire ma non sarò certo io a fare rivelazioni, devo rispettare la volontà della sua famiglia».

Ultimo aggiornamento: 13:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA