Monica Lewinsky: «All'epoca dello scandalo Clinton avevo gravi problemi di salute mentale, pensai al suicidio»

L'ex stagista: "Non riuscivo a vedere altre vie d'uscita"

Venerdì 1 Ottobre 2021
Monica Lewinsky: «All'epoca dello scandalo Clinton avevo gravi problemi di salute mentale, pensai al suicidio»

Monica Lewinsky ha confessato di aver sofferto di «gravi problemi di salute mentale» durante lo scandalo sulla sua relazione con Bill Clinton. All'epoca la stagista della Casa Bianca aveva 20 anni.

Monica Lewinsky, 23 anni fa lo scandalo con Bill Clinton: fra sesso, bugie e tribunali

La donna, ora 48enne, si è aperta in un'intervista per il podcast The Axe Files del canale televisivo statunitense CNN. L'indagine sullo scandalo, che ha portato alla procedura di impeachment di Clinton, gli ha fatto avere «pensieri suicidi» sulla scia del suo scoppio nel 1998. «Non riuscivo a vedere una via d'uscita. E ho pensato che forse quella fosse la soluzione», ha assicurato con stupore al suo intervistatore, il commentatore David Axelrod. Lewinsky ha confessato di aver persino chiesto «Cosa accadrebbe se morissi?» agli avvocati che lavoravano per l'allora giudice americano Kenneth Starr. Nella sua attuale riflessione, Lewinsky ha detto che le sarebbe servito «uno psicologo».

Monica Lewinsky, la domanda su Clinton la fa infuriare: l'ex stagista fugge dal palco VIDEO

I commenti della Lewinsky seguono la premiere americana della serie Impeachment: American Crime Story, una nuova serie sul caso Lewinsky che racconta lo scandalo sessuale di Bill Clinton, che gli costò quasi la presidenza.

Ultimo aggiornamento: 17:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA