Naya Rivera morta nel lago, l'ex marito fa causa alla Contea per tutelare il figlio: «Barca poco sicura, fu omicidio colposo»

Venerdì 20 Novembre 2020
Naya Rivera, l'ex marito: «Fu omicidio colposo»

Non c'erano cartelli che avvertivano della pericolosità del lago e la barca non era attrezzata con sistemi di sicurezza. Queste le motivazioni al centro della causa contro la contea di Ventura citata in giudizio per la morte di Naya Rivera, l'attrice di "Glee" annegata durante una gita in barca con il figlio di 4 anni Josey nel lago Piru, a nord-ovest di Los Angeles. A portare avanti la causa  per omicidio colposo nei confronti dell'autorità locale e dei gestori del lago è l'ex marito Ryan Dorsey.

Naya Rivera, l'autopsia: niente droghe né malore

La causa è stata presentata martedì al tribunale della contea di Ventura per conto del bambino di 4 anni da suo padre Ryan. Secondo le accuse contro la contea di Ventura, allo United Water Conservation District e ai Parks and Recreation Management, Naya era salita a bordo di una barca non equipaggiata «con dispositivi di galleggiamento o salvavita, o una scala, una fune, un'ancora o altre attrezzature progettate per impedire ai nuotatori di essere separati dalle loro barche». Nella causa si punta anche sull'assenza di segnali relative alle condizioni di pericolosità, come forti correnti, scarsa visibilità e vento forte.

Naya morta per salvare il figlio di 4 anni: ritrovato il corpo nel lago dell'attrice di Glee 

«Mentre Naya e Josey stavano nuotando, la barca ha iniziato a essere trascinata via, probabilmente dalla corrente e dal vento, che nel pomeriggio hanno raggiunto raffiche fino a 21 miglia orarie» scrive l'avvocato Amjad Khan nella denuncia riportata dall'Hollywoodreporter.com. «Josey, che era più vicino, riuscì a risalire sulla barca che oscillava avanti e indietro per la corrente e il vento. Josey sapeva che Naya era ancora nell'acqua e la sentì gridare: "Aiuto! Aiuto!" nella sua lotta per tornare alla barca per evitare di annegare. Josey cercò invano una fune per aiutare sua madre a risalire sulla barca. Josey poi guardò di nuovo l'acqua e vide che Naya era scomparsa. Josey gridò aiuto e pianse da solo sulla barca finché non fu trovato più di un'ora dopo da un agente di leasing di barche della PMC». Secondo gli avvocati, gli imputati hanno tentato di «screditare Naya nei media e distrarre dalla propria negligenza» e spiegano che nel lago nel corso degli anni sono morte annegate molte persone.  Nella causa si parla anche delle ripercussioni psicologiche per il piccolo Josey.  

 

Ultimo aggiornamento: 13:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA