Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Panatta-Bertolucci, scambio di battute social: «Per il compleanno ti regalo il pannolone»; «Lo ricicli?»

Giovedì 28 Luglio 2022
Panatta-Bertolucci, scambio show sui social. «Per il compleanno ti regalo il pannolone». La risposta: «Lo ricicli? Sei squallido»

Hanno fatto sognare l'Italia negli anni Settanta. Adriano Panatta e Paolo Bertolucci, amici da sempre, non perdono occasione per punzecchiarsi sui social, mostrando un affiatamento rimasto intatto da quando sul rettangolo del campo da tennis portavano la squadra Azzurra a vincere la Coppa Davis (1976). A tirare in ballo l'amico è stato Panatta, che ha chiesto consigli per il regalo di compleanno da fare a Bertolucci: «Sono indeciso tra: maxi confezione di pannoloni; apparecchio Amplifon; 10 scatole di Prostamol; salvavita Beghelli», il tweet ironico dell'Adriano nazionale. «Caro Adriano - ha risposto Paolo - il tentativo di riciclare i regali ricevuti per il proprio compleanno è un gesto misero, squallido e sordido».

 

Panatta-Bertolucci, l'amicizia dei tennisti

A chiudere lo scambio, stavolta solo social e non sul campo da tennis, ci ha pensato ancora Panatta: «Non male come risposta, stai migliorando. Tanti auguri (il compleanno di Bertolucci sarà il 3, ndr), gli auguri te li faccio adesso perché poi mi dimentica e ti offendi, perché sei permaloso». ll loro legame è stato raccontato recentemente dal documentario "Una squadra", prodotto da Sky. Tra i tanti aneddoti, anche quello della famosa rissa di Panatta in Spagna. «Domanda a Bertolucci che faceva in Spagna quando io stavo a fa’ a cazzotti con una tribuna intera - racconta Adriano nella serie -. Non è venuto a aiutarmi. Stava in tribuna e accudiva le nostre signore che svenivano preoccupate». La risposta: «Sinceramente ero anche contento, finalmente qualcuno che lo menava».

I due però, si sono voluti bene come fratelli. «Con Adriano c’è un legame indissolubile - ha raccontato Bertolucci -. A 13 anni eravamo già assieme. Ho dormito più volte in camera con lui che con mia moglie. Non ho mai avuto fratelli o sorelle, ma se dovessi pensare a un fratello per me è Adriano».

© RIPRODUZIONE RISERVATA