Papà tenta di cambiare la data di nascita del figlio: «Non voglio che sia nato nel 2020». E litiga con l'infermiera

Papà tenta di cambiare la data di nascita del figlio: «Non voglio che sia nato nel 2020». Ma l'infermiera si oppone
Papà tenta di cambiare la data di nascita del figlio: «Non voglio che sia nato nel 2020». Ma l'infermiera si oppone
Venerdì 30 Settembre 2022, 11:21 - Ultimo agg. 1 Ottobre, 12:00
3 Minuti di Lettura

Un padre è stato cacciato da un ospedale del Regno Unito dopo aver inveito contro un'infermiera che non gli ha permesso di cambiare la data di nascita del figlio. L'uomo ha spiegato di voler far coincidere la data di nascita del figlio con 1°gennaio 2021. Il bambino era infatti nato alle 23:05 del 31 dicembre 2020, il padre avrebbe detto: «Non voglio che siano nato nel 2020, ci ha vissuto meno di un'ora».

Il nuovo ambulatorio di Reumatologia pediatrica al de Lellis punto di riferimento per attività clinica e diagnostica per gli U18

Tenta di cambiare la data di nascita del figlio: la vicenda

Una volta arrivato in ospedale l'infermiera di turno gli ha consegnato un modulo da compilare per registrare i dati del figlio sul certificato di nascita. Al momento di riempire i campi con la data e l'ora del nascituro, il genitore ha scelto di mettere le 00:05 del 1 gennaio 2021 affermando: «un'ora di differenza non è un problema». Tuttavia, è stato fermato dall'infermiera, la quale gli ha detto che i campi dovevano essere compilati con l'ora e la data esatte. Da qui è scoppiata una discussione animata tra i due, l'uomo affermava di avere il diritto di cambiare la data di nascita essendo lui il padre del bambino.

Secondo quanto riporta il Mirror il padre in seguito alla vicenda ha dichiarato: «È ingiusto, mio figlio ha vissuto solo un'ora nel 2020, inoltre è stato un anno orribile, sono felice che sia finalmente finito e non voglio che mio figlio venga associato a quel periodo».

L'uomo ha poi commentato la discussione avuta con l'infermiera: «Dopo che ha provato a spiegarle le mie ragioni, mi ha detto che quello che stavo facendo costituiva un falso e mi avrebbe causato un grosso problema», continua «le ho detto che sono il padre, e che quindi mi sarei assunto la piena responsabilità di eventuali conseguenze. Si è scagliata contro di me dicendomi "non è così che funziona" e che il modulo non sarebbe stato accettato poiché conteneva informazioni false». L'uomo è stato infine allontanato dall'ospedale senza riuscire nell'intento di cambiare la data di nascita del figlio.

L’Associazione Onlus "Insieme a Giordano" scende in campo per aiutare i bambini e le loro famiglie in difficoltà

© RIPRODUZIONE RISERVATA