Pietro Anastasi morto, la vedova: «Ha deciso di non svegliarsi più, voleva fare come Dj Fabo»

Lunedì 20 Gennaio 2020
Morto Anastasi, la vedova: «Ha deciso di non svegliarsi più. Voleva fare come Dj Fabo»
Pietro Anastasi come Dj Fabo: l'ex calciatore della Juventus e della Nazionale, morto a 71 anni in un hospice di Varese qualche giorno fa, voleva andare in Svizzera e porre fine alle sue sofferenze con il suicidio assistito: «Me lo chiedeva quando era già malato, ma non sapeva ancora di avere la Sla», ha raccontato la sua vedova, Anna Bianchi, in un'intervista a Il Messaggero.

LEGGI ANCHE Il figlio: «Era devastato, ha chiesto la sedazione»

Anastasi, in quella cllinica, si è fatto addormentare e si è spento. Cinquant'anni di matrimonio e «insieme da 53», due figli, Anna Bianchi ricorda che tutto è cominciato tre anni fa quando si è scoperto che l'ex calciatore «aveva un tumore all'intestino e la Sla. È stato operato subito per il tumore e sottoposto alla chemioterapia, riuscendo a sconfiggerlo».

LEGGI ANCHE L'ex bomber di Juve e Nazionale morto a 71 anni

All'inizio la moglie ha deciso di non dire al marito della Sla, d'accordo con i figli. Ma quando per lui qualsiasi minimo gesto quotidiano si stava trasformando in un'impresa insormontabile, un giorno, tre mesi fa, «l'ho guardato negli occhi e gli ho detto: Sai cos'hai?. E lui mi ha risposto: Sì, ho la Sla. Ed è rimasto a lungo in silenzio». Sono subentrate le cure palliative, Anastasi ha resistito fino a che ha potuto, poi la scorsa settimana ha chiesto alla moglie di accompagnarlo nel ricovero in una struttura, così «mercoledì siamo entrati in questo hospice a Varese».



L'ex calciatore «aveva rinunciato all'accanimento terapeutico, scrivendo su un foglio che rifiutava di essere rianimato. Ha anche rifiutato la tracheotomia alla quale gli avevano consigliato di sottoporsi. Quindi è arrivata una dottoressa, una persona davvero splendida, ha parlato con mio marito e gli ha prospettato la sedazione con una puntura. Si sarebbe addormentato e non si sarebbe mai più svegliato. È andata proprio così ed è avvenuto tutto molto rapidamente». Con lui «c'eravamo io e mio figlio. Mi faccio sedare, ci ha comunicato. 'No, aspetta', l'ho pregato. Ma aveva deciso». Questa è una cosa che si fa solo «se ci si ama e prima di morire mio marito mi ha detto delle parole bellissime» conclude.  Ultimo aggiornamento: 16:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA