Il principe William nella bufera per una frase sulle donne africane. La denuncia di una scrittrice

Domenica 28 Novembre 2021
Il principe William

Una pesante tegola cade sul capo del principe William, da sempre al fianco delle lotte per l'emancipazione dei paesi africani. All'improvviso, eccolo accusato di  “stigmatizzare le donne africane” dopo aver parlato della crescita della popolazione che avrebbe contribuito a distruggere la fauna selvatica nel continente.
Il duca di Cambridge ha infatti affermato a una cerimonia di premiazione: «La crescente pressione sulla fauna selvatica e sugli spazi selvaggi africani a causa della popolazione umana rappresenta una sfida enorme per gli ambientalisti e dunque un grande ostacolo».


Immediati i commenti che hanno ripreso anche ciò che il principe aveva espresso nel 2017 a un gala per il Tusk Trust quando ha affermò: «Si prevede che la popolazione umana in rapida crescita in Africa raddoppierà entro il 2050, un incredibile aumento di tre milioni e mezzo di persone al mese. Non c’è dubbio che questo sovraffollamento metta la fauna selvatica e l’habitat sotto enorme pressione». 

La scrittrice Eliza Anyangwe è furibonda: «Dovrebbe essere ovvio a tutti che la paura sulla crescita della popolazione nelle parti nere si trasforma in un  pregiudizio di razza e classe».
In un articolo per la Cnn, la signora Anyangwe ha scritto: «Dovrebbe essere altrettanto ovvio che ciò di cui ogni donna ha bisogno è la libertà di scegliere da sola se e quando e quanti figli avrà. Se nonostante anni di discussioni sulla conservazione, il principe William non ha considerato che la sua preoccupazione per la fauna selvatica africana potrebbe stigmatizzare le donne africane, forse ora è il momento di farlo».

 

La signora Anyangwe, che ha fondato il Nzinga, un progetto mediatico incentrato sulle storie di donne africane, ha messo sotto scacco il principe per la sua ipocrisia visto che lui stesso aspetta il suo terzo figlio.
E dunque la scrittrice ha continuato: «William è un uomo che ha sistemato la propria famiglia: viaggia spesso in aereo e vive uno stile di vita sontuoso in uno dei 15 paesi più consumatori di energia al mondo».

 

 

Ultimo aggiornamento: 18:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA