La regina Elisabetta all'omaggio per Filippo con il bastone: accompagnata dal principe Andrea

Martedì 29 Marzo 2022
Regina Elisabetta e il grande omaggio al suo Filippo a Westminster: presenti tutti i reali d'Europa (ma non Harry e Meghan)

La regina Elisabetta  non è ancora disposta a declinare la sua vicenda di sovrana più longeva della storia britannica al passato. Resa più fragile dagli anni (96 ad aprile) e dalle vicissitudini recenti, costretta ad appoggiarsi ormai a un bastone a causa di difficoltà di movimento apertamente ammesse, è tuttavia tornata oggi in scena - irriducibile - dopo quasi sei mesi di assenza da qualunque appuntamento pubblico esterno alle mura delle sue residenze per assistere a testa alta, fra la navate dell'Abbazia di Westminster, a un liturgia in memoria del principe consorte Filippo: compagno di vita per oltre sette decenni, scomparso giusto un anno fa - il 9 aprile 2021 - alla soglia del secolo di vita. Una rentrée attesa, ma niente affatto scontata, che fa tirare l'ennesimo sospiro di sollievo ai sudditi del Regno Unito e agli ammiratori sparsi nel globo.

Regina Elisabetta, ecco la Queen mobile: il trono con le rotelle (Rolls Royce) che risolve i problemi di mobilità

Sebbene senza sciogliere del tutto nodi o incertezze sui suoi limiti attuali nello svolgimento dei doveri istituzionali; né sottrarla dall'imbarazzo di qualche alzata di sopracciglio nella pubblica opinione per la decisione di farsi accompagnare nel tragitto di 40 chilometri fra il castello di Windsor e l'abbazia simbolo di Londra dal più controverso dei suoi 4 figli: il terzogenito Andrea, duca di York, emarginato nei mesi scorsi da ogni ruolo ufficiale in seno alla monarchia dopo esser stato toccato dal sordido scandalo sessuale e di sfruttamento di minorenni legato alla figura del defunto faccendiere americano Jeffrey Epstein; ma evidentemente non cancellato nel cuore della Royal Family dall'alone protettivo della nomea di rampollo prediletto di Sua Maestà. Una decisione destinata a far discutere, eppure «non casuale» nell'interpretazione del veterano Peter Hunt, ex osservatore di cose reali della Bbc, convinto che in questo caso la madre sia prevalsa sulla sovrana, rifiutandosi di rinnegare il figlio, oltre che di riconoscerlo colpevole: visto che formalmente Andrea «non è stato condannato né ha confessato alcunché», pur avendo chiuso una causa civile negli Usa soltanto per il tramite d'un indennizzo multimilionario accordato all'accusatrice Virginia Giuffre.

 

Sia come sia, la messa per Filippo ha avuto quel carattere solenne che il funerale, coinciso un anno fa con una fase di restrizioni ancora severe imposte dalla pandemia, aveva consentito appena in parte. Con la presenza di tutti i vertici della politica e dello Stato, dal primo ministro Boris Johnson in giù. E ovviamente con l'intero parterre dei Windsor schierato dietro Elisabetta e all'erede al trono Carlo, salvo l'unica eccezione del nipote ribelle Harry: rimasto oltre oceano, come largamente annunciato, nell'autoesilio dorato che condivide in California con la moglie Meghan e i piccoli Archie e Lilibet Diana, sullo sfondo dell'ultimo contenzioso scatenato col governo di Londra in materia di sicurezza. Vestita di verde scuro, come la nuora Camilla e la secondogenita Anna, in onore a un colore caro al ricordo del duca di Edimburgo, l'anziana monarca ha assistito alla funzione da un piccolo trono sistemato accanto al banco su cui alla sua sua sinistra aveva preso posto Carlo. Ha pregato, si è unita al canto del tradizionale inno 'Guide Me, O Thou Great Redeemer', ha ascoltato le musiche scelte di Beethoven, Bach, Wagner, Vaughan Williams o Byrd. E ha seguito attenta, sorvegliando la commozione, il sermone del reverendo David Conner, rettore di Windsor e consigliere spirituale negli ultimi anni di vita di Filippo, incentrato ancora una volta sulla figura «fuori dal comune» dello scomparso, sulla sua «simpatia», la disponibilità «al sacrificio nel servizio» alla nazione; e soprattutto sulla sua «devozione e lealtà alla nostra Regina».

Attestazioni su cui la figlia di Giorgio VI - che in questo 2022 celebra il Giubileo di Platino dei suoi 70 anni sul trono in un Europa costretta a riscopre l'incubo della guerra, a 8 decenni di distanza da quel Secondo conflitto mondiale di cui ella resta una delle ultime testimoni consapevoli - non può non aver meditato. Ispirata a sua volta da un senso del dovere che evidentemente la spinge ad andare avanti, a «continuare nel servizio pluridecennale al Paese», come ha commentato in toni di rassicurazione un portavoce di Downing Street. A ripresentarsi in pubblico dopo i mesi trascorsi nel semi isolamento del castello di Windsor da ottobre in avanti, ossia da quando i medici le raccomandarono tassativamente un periodo di riposo durante il quale è stata costretta anche a sottoporsi a un raro ricovero ospedaliero di 24 ore per imprecisati accertamenti, limitandosi a poche udienze concesse a domicilio intervallate dalla rinuncia sofferta a impegni esterni in passato immancabili. E non senza l'imprevisto di un passeggero contagio da Covid, superato appena il mese scorso sulla scia dell'eterno delfino Carlo.

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 30 Marzo, 09:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento