Rodrigo Alves, il Ken umano choc: «Mi sento Barbie. Farò l'intervento per cambiare sesso»

Domenica 5 Gennaio 2020 di Emiliana Costa
Rodrigo Alves, il Ken umano choc: «Mi sento Barbie. Farò l'intervento per cambiare sesso»

Rodrigo Alves, il Ken umano choc: «Mi sento Barbie. Farò l'intervento per cambiare sesso». Drastico cambio di vita per Rodrigo Alves. Il Ken umano, noto per la sua partecipazione al Grande Fratello e per le ospitate nei salotti di Barbara D'Urso, avrebbe annunciato sui social la sua volontà di cambiare sesso.

Leggi anche > Fedez, malore a Dubai: in hotel con la flebo. Chiara Ferragni: «Ha urlato tutta la notte...»

Leggi anche > Gianfranco Vissani scoppia in lacrime a Domenica In: «Non riesco a trattenermi, mi manca...»

Ecco le sue parole: «Sono conosciuta come Ken ma dentro mi sono sempre sentita come Barbie. È fantastico dire finalmente al mondo che sono una ragazza. Finalmente mi sento la vera me. Affascinante, bella e femminile. Per anni ho provato a vivere la mia vita da uomo. Avevo messo anche dei finti addominali, avevo i muscoli di silicone sulle braccia ma mentivo a me stessa. A porte chiuse vivo come una donna da mesi, ma sono uscito allo scoperto da poco».



Presto, inizierà il percorso in sala operatoria: «Farò rimuovere i miei genitali, tutto, anche i testicoli. Quello sarà il passo finale. Prima mi farò mettere protesi mammarie al silicone, credo entro fine mese. Presto sarò in grado di indossare abiti che mostrano la mia scollatura. Sono molto emozionata. Subirò diversi interventi chirurgici di femminilizzazione. Sarà un'incisione nella parte superiore del mio cuoio capelluto, e attraverso ciò il dottore rimodellerà la mia fronte, mi farà un lifting degli occhi, un lifting delle labbra e un lifting della parte centrale del viso. Farò anche rimuovere il pomo di Adamo, modificherò la mascella e il mento».

Negli ultimi 15 anni, Alves ha speso 430mila euro in interventi di chirurgia plastica di ogni tipo. «Spero solo - conclude - che le persone possano accettarmi come donna e non giudicarmi o ridicolizzarmi. Questo non è un capriccio. Mi è stato diagnosticato un disturbo dismorfico di genere e mi è stata data la possibilità di iniziare le cure appropriate per la transizione. Mia sorella ha detto che spera che io assomigli a lei adesso che sono una donna».

Ultimo aggiornamento: 22:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento