Scrisse il libro “Come uccidere tuo marito”: a processo per aver ucciso il marito

Martedì 5 Aprile 2022
Scrisse il libro “Come uccidere tuo marito”: a processo per aver ucciso il marito

Tra i suoi scritti c'è un saggio (del 2011) che si intitola "How to Murder Your Husband", ossia come uccidere tuo marito. Ora la statunitense Nancy Crampton-Brophy è finita sotto processo proprio per aver ucciso il marito.

 

Stuprò 13 studentesse nel collegio islamico, insegnante condannato a morte

 

Scrittrice a processo per aver ucciso il marito

Per l'accusa la scrittrice (dalla sua penna sono usciti anche i romanzi dai "The Wrong Lover" e "The Wrong Husband", ossia l'amante e il marito sbagliati) sarebbe l'autrice dell'assassinio del consorte, lo chef Daniel Brophy, a cui avrebbe sparato nel giugno 2018 per intascare un premio assicurativo di 1,5 milioni di dollari. Durante la prima udienza del processo il vice procuratore distrettuale dell'Oregon, Shawn Overstreet, ha sottolineato come la donna sia convinta di aver «commesso un'azione che forse credeva rispondere al delitto perfetto». 

Un piano spietato: la scrittrice  avrebbe seguito suo marito al lavoro, gli avrebbe sparato alla schiena, perforandogli la spina dorsale e il cuore, prima di sparare di nuovo mentre giaceva disteso sul pavimento.

 

 

La scoperta dell'omicidio

Il corpo di Brophy fu scoperto da un collega in una cucina dell'Oregon Culinary Institute e secondo gli investigatori hanno scoperto che la donna si trovava nella struttra a Portland, dove lavorava suo marito, al momento dell'omicidio. Sebbene lei abbia sempre negato dicendo di trovarsi a casa al momento dell'omicidio. È stata arrestata nel settembre 2018 e si è dichiarata non colpevole di tutte le accuse.

Il suo avvocato, Lisa Maxfield, ha sostenuto che le condizioni economiche della donna si sono deteriorate dopo l'omicidio, scercando di smontare il movente dello stesso. 

 

Il saggio

«Come scrittrice di thriller-romantici, passo molto tempo a pensare all'omicidio e, di conseguenza, alle procedure di polizia. Dopotutto, se l'omicidio dovesse liberarmi, di certo non vorrei passare del tempo in prigione -  ha scritto la donna - È più facile desiderare la morte delle persone che ucciderle davvero». Dopo l'omicidio la donna condivise su Facebook la notizia della morte del marito: «Per i miei amici di Facebook e familiari  - scrisse - ho una triste notizia da dare. Mio marito e migliore amico, lo chef Dan Brophy è stato ucciso»

Ultimo aggiornamento: 6 Aprile, 20:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA