Coppia perde 1.300 euro, marocchino li raccoglie e li riconsegna (rifiutando la ricompensa)

Venerdì 31 Dicembre 2021 di Marina Lucchin
Coppia perde 1.300 euro, marocchino li raccoglie e li riconsegna (rifiutando la ricompensa)

Ventisei banconote da 50 euro. Erano sparse a terra, dalla strada fin sotto il bancomat, come le bricioline di pane che Hänsel e Gretel avevano sparso nel bosco per ritrovare la strada. Milletrecento euro, tutti su un colpo. Praticamente uno stipendio, che di questi tempi farebbe “gola” a chiunque. A scoprire, il giorno della Vigilia di Natale, questo “sentiero” di denaro, mentre andava a prelevare allo sportello esterno della banca Unicredit di Sarmeola (Padova), è stato Yassine Ballouki, 28enne marocchino, in Italia da 12 anni e in possesso di regolare permesso di soggiorno.

Orvieto, pensionato derubato dei soldi per i regali. La polizia trova il ladro e gli riconsegna tutto

A terra ventisei banconote

Quando ha visto la prima banconota sull’asfalto l’ha raccolta. Poi un’altra. E un’altra ancora. Ventisei in totale, 1.300 euro, tondi tondi. Un gruzzolo di tutto rispetto. Eppure, Yassine non ci ha pensato un secondo. Ha raccolto tutte le banconote sparse a terra, ne ha fatto un bel mazzetto, le ha messe in tasca pronto a rivolgersi alla stazione dei carabinieri di Padova Principale dove le ha consegnate a un militare.

Arpino, il racconto del tabaccaio rapinato con un coltello: «Volevo reagire»

Le ricerche

Sono scattate così subito le ricerche degli sbadati proprietari del gruzzoletto, seminato per mezza Sarmeola. Per fortuna, ormai, tutti gli istituti di credito sono dotati di telecamere puntate sugli sportelli. E proprio le riprese della videosorveglianza del bancomat dell’Unicredit sono state fondamentali per risalire a chi aveva smarrito le banconote. In brevissimo tempo i militari della stazione dell’Arma sono riusciti a contattare i proprietari, titolari di una ditta con sede a Rubano, molto noti nel paese e subito riconosciuti grazie alle immagini.
Potete immaginare il sollievo della coppia quando dall’altro capo del telefono ha sentito: «Pronto, carabinieri. Abbiamo trovato il denaro che avete perso». Con il cuore gonfio di gioia, marito e moglie di Rubano sono arrivati alla caserma di via Rismondo, dove oltre al comando provinciale e alla Legione Veneto, ha sede anche la stazione guidata dal luogotenente Giovanni Soldano. 
E qui i due “sbadati” hanno incontrato il giovane marocchino che aveva trovato e portato ai carabinieri la mazzetta da 26 banconote da cinquanta euro.

Terni, fiumi di soldi nei festini a base di sesso e droga

La restituzione

Nell’ufficio del comando, ecco la seconda sorpresa. Quando hanno incontrato Yassine, e i carabinieri hanno restituito loro il denaro, i due coniugi hanno allungato la mano verso di lui per dargli la sua ricompensa. Ma il giovane marocchino ha rifiutato. «Non ho fatto niente di speciale, solo quello che dovevo. Quei soldi non erano miei e i carabinieri potevano trovare il loro vero proprietario. Quindi, grazie, grazie mille, ma non voglio nulla». 
Un’onestà e una dolcezza in quelle parole che hanno lasciato a bocca aperta i due imprenditori che non hanno potuto fare altro che ringraziarlo e ascoltare la sua storia. 
Yassine ha spiegato loro di essere in Italia da 12 anni e di aver sempre lavorato fin dal primo giorno in cui aveva messo piede nel nostro Paese. Regolare, con il suo permesso di soggiorno, in realtà cova da tempo un grande desiderio: «Voglio ottenere la cittadinanza, qui mi sento a casa».

Omicidio di Desirée, testimone in aula riconosce i 4 imputati

 

Ultimo aggiornamento: 19:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA