CORONAVIRUS

Starbucks, barista si rifiuta di servire cliente senza mascherina e viene deriso sui social: il web si mobilita e raccoglie 21 mila dollari

Sabato 27 Giugno 2020 di Marta Ferraro
Raccolti oltre 21.000 dollari per un barista di Starbucks che si è rifiutato di servire una cliente senza maschera

Un'iniziativa proposta sulla piattaforma GoFundMe ha raccolto 21.966 dollari per un barista di Starbucks di San Diego, in California, che si è rifiutato di servire una cliente che non indossava la mascherina e che poi ha cercato di metterlo in imbarazzo con un post pubblicato sulla sua pagina Facebook, che successivamente è stato rimosso.

Amber Lynn Gilles aveva condiviso su Facebook una foto di Lenin Gutiérrez, accompagnata dal seguente messaggio: «Vi presento Lenen, di Starbucks, che si è rifiutato di servirmi perché non indossavo la mascherina. La prossima volta aspetterò la polizia e porterò un'esenzione medica».

In breve tempo, il post è diventato virale, è stato condiviso più di 48.000 volte e ha ricevuto più di 104.000 reazioni, alcune anche molto dure verso l'atteggiamento della donna. Dopo migliaia di commenti degli utenti indignati dal suo atteggiamento, Gilles si è difesa e ha chiesto a coloro che l'hanno criticata di non «spaventarla o disturbarla», li ha chiamati «perdenti» che «non hanno niente di meglio da fare» e li ha paragonati a un'organizzazione terroristica.

Il barista, da parte sua, ha ringraziato dell'inaspettato supporto ricevuto. «Voglio ricordare a tutti di essere buoni l'uno con l'altro, amarsi e ricordarsi sempre di indossare la mascherina», ha detto in un video in risposta ai donatori. Sul suo account Facebook, Gutiérrez ha detto che utilizzerà i soldi raccolti per realizzare il suo sogno di diventare ballerino e insegnare agli altri a ballare. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA