Estate, tatuaggi e piercing tra le tendenze. Manzo «molti chiedono disegni su libertà e rinascita»

Giovedì 13 Maggio 2021
Covid estate, tatuaggi e piercing tra le tendenze

Il Covid-19 non ha fermato la tendenza delle persone a concedersi un tatuaggio. Ragazze, ragazzi, uomini e donne di tutte le età, dai minorenni ai pensionati si regalano tatuaggi e piercing subito prima delle sperate vacanze. Ne sa qualcosa Marco Manzo, meglio conosciuto come 'il tatuatore dei Vip': alle sue sapienti mani si sono affidati numerose celebrità, tra cui Asia Argento, Max Gazzè, Gabriel Garko e molti altri.

I tatuaggi da sempre ricordano momenti fondamentali della vita, positivi o negativi, diventando una mappa di ricordi della propria esistenza. E con l'attuale situazione emergenziale causata dalla pandemia molte persone hanno anche più tempo libero, lavorando in smart working e avendo meno occasioni di vita sociale. Un tatuaggio in questi casi può fare la differenza e avere un potere catartico come racconta Marco. «Molti per ricordare questo periodo stanno richiedendo soprattutto piccoli tatuaggi simboleggianti la libertà, come il gabbiano, la rinascita come la fenice, la caducità della vita come il fiore di ciliegio o qualcosa che si riferisca ai propri cari purtroppo perduti, come ritratti, nomi o ancora delle passioni e delle cose che si amano ed alle quali si è forzatamente rinunciato, come il mare ed i suoi simboli, paesaggi figurativi, micro ritratti o monumenti del nostro patrimonio artistico dei quali non abbiamo potuto godere in questo periodo». Questa richiesta di tatuaggi piccoli, o mini-tattoo, che richiedono poco tempo per essere realizzati è probabilmente legata anche a un'esigenza pratica perché permettono al tatuato di non essere esposto per lungo tempo in un ambiente chiuso che potrebbe aumentare i rischi per la sua salute. Anche se Manzo ha fatto dell'igiene e della sicurezza il suo marchio di fabbrica, ed è primo docente di tecnica di tatuaggio e igiene sul lavoro nei corsi italiani ed europei.

Si ritiene un uomo fortunato, perché ha fatto della sua passione la sua professione e ritiene che fare ciò che si ama sia un grande privilegio e opportunità. «Ci siamo subito adeguati alle linee guida della Regione Lazio che hanno messo in sicurezza operatori e clienti,- spiega- dando delle norme severe e giuste. Ad esempio, i clienti vengono ricevuti solo su appuntamento, al quale si dovranno presentare da soli fatto salvo che si tratti di minori o disabili». 

 

Ultimo aggiornamento: 18:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA