Vuole far causa ai genitori: «Non avevano il mio consenso per farmi nascere»

A 27 anni vuole far causa ai genitori: «Non avevano il mio consenso per farmi nascere»
ARTICOLI CORRELATI
7
  • 10636
Un 27enne ha annunciato di avere intenzione di fare causa ai propri genitori, portandoli in tribunale con una motivazione decisamente surreale: «Non hanno chiesto il mio consenso quando mi hanno fatto nascere e hanno anteposto la loro felicità ai miei diritti». La bizzarra notizia arriva da Mumbai, in India, dove vive Raphael Samuel, giovane avvocato ed attivista che da qualche tempo, sul web, diffonde la causa dei cosiddetti antinatalisti, secondo cui i genitori non hanno il diritto di far nascere dei figli senza il consenso dei diretti interessati.

Sparatoria all'Axa, caccia ai banditi. Ecco, la via di fuga




Una motivazione decisamente fantasiosa, che però Raphael supporta così: «Voglio dire a tutti i bambini indiani che non devono nulla ai loro genitori. Anzi, ogni bambino deve sapere perché i genitori lo hanno voluto, è un suo diritto perché i bambini non devono essere messi al mondo per forza».

Chiede il divorzio per il cattivo odore del marito: erano sposati da un mese



Raphael Samuel, nonostante la minaccia di azioni legali, assicura di avere un ottimo rapporto coi genitori: «Li amo, ma so che mi hanno messo al mondo per la loro felicità. La mia vita è fantastica, ma non vedo perché dovrei dare la vita a qualcuno costringendolo a farsi un'istruzione, a cercare un lavoro e a pagare le tasse, senza che mi sia stato dato un permesso dal diretto interessato». La sua vicenda sta diventando così popolare da approdare anche sul Mirror.

La campagna 'antinatalista' di Raphael Samuel sta riscuotendo un certo seguito in India. Le tesi a supporto sono di questo tenore: «Qui da noi, in molti casi, ci sono figli di ragazzi giovani che volevano solo passare una notte piacevole insieme. Fare un figlio deve essere una scelta consapevole, non sono i figli a dovere qualcosa ai genitori, ma il contrario, perché sono stati messi al mondo per portare ai genitori, e non a se stessi, gioia e felicità. Un figlio dovrebbe essere grato ai genitori solo se questi lo crescono con gentilezza, incoraggiando le sue aspirazioni e garantendogli la libertà».

Raphael Samuel, che si definisce nichilista e misantropo (e questo potrebbe in parte far capire la sua visione del mondo e della vita), sta acquisendo una certa popolarità anche al di fuori dell'India, anche grazie alla copertura di media internazionali sulle sue tesi. Il 27enne, sul web, continua a sostenere la causa dei figli: «I genitori sono ipocriti. Un buon genitore mette sempre il bambino davanti alla propria felicità, ai propri bisogni e alla propria volontà. Il bambino stesso, però, è una volontà dei genitori».
Martedì 5 Febbraio 2019, 12:27 - Ultimo aggiornamento: 7 Febbraio, 14:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2019-02-07 20:29:11
ma la barba attaccata da uno spago?? uauauau
2019-02-07 19:23:24
E' diventato famoso con questa grossa stupidaggine che ha detto.
2019-02-07 19:18:13
Fatelo vedere da un buon medico.
2019-02-06 23:26:01
esistono anche gli antinatalisti adesso dopo i terrapiattisti e i nazi-vegani ? la follia sta dilagando ormai. ma questo giovane squilibrato a cui danno pure visibilita', gli hanno chiesto come si fa ad avere il consenso per nascere da parte del bambino. oppure e' un furbo e si sta facendo pubblicita'....
2019-02-06 17:10:40
Penso che il ragazzo si debba rivolgere ad un buon medico!!!!!!!!

QUICKMAP