«Non dormo più»: Théo cerca disperatamente la ragazza conosciuta sul treno, città tappezzata di volantini

Lunedì 25 Ottobre 2021 di Nicola Munaro
Théo Bonfils

Chi sia, nessuno lo sa. Neppure lui che l'ha incontrata e ha passato con lei un viaggio in treno da Padova a Ferrara. L'unica cosa che sa è che è di Mestre e studia Medicina a nel capoluogo estense, nello stesso ateneo in cui lui Théo Bonfils, ventenne francese, originario di Lione, è iscritto a Giurisprudenza. Così, per cercarla, ha tappezzato Ferrara di volantini, aprendo anche un indirizzo mail per l'occasione.

Campobasso, «Babbo Natale riportami il mio papà»: la lettera di Miriam, 6 anni, commuove il web. E Santa Claus risponde così


«Ciao! Sono alla tua ricerca. Sono il francese del treno Mestre-Ferrara di domenica 17 ottobre. Frequenti la facoltà di medicina, sei agli ultimi anni, sei di Mestre, sei gentile e raffinata. Non dormo più. Scrivimi al più presto su francesetreno@virgilio.it» recita il foglio affisso ai lampioni della luce, ai semafori, alle fermate degli autous.
La storia, come l'ha raccontata l'edizione di Ferrara de Il Resto del Carlino, è iniziata quando il ventenne francese, domenica scorsa, dopo una gita a Padova per visitare la città del Santo si è trovato faccia a faccia sul treno di ritorno con una ragazza.


Tra i due è iniziata una chiacchierata e lei - ha raccontato Théo Bonfils al Carlino - gli ha detto di essere di Mestre ma di studiare a Ferrara. Un'ora di racconti che hanno colpito il giovane studente di Lione che si è reso conto di aver commesso anche un errore di tattica. Arrivati a destinazione i due si separano ma per il ventenne iscritto a Giurisprudenza quel saluto non può essere un addio ma deve essere l'inizio di un amore.

«Non potete fare sesso tutta la notte urlando»: a Frascati il biglietto di proteste sulle mura di un palazzo

Le sue parole, così come i cartelli, sono diventati subito virali tanto che il sindaco di Ferrara, Alan Fabbri, ha rilanciato la vicenda sulla propria pagina pubblica: «Un vero e proprio colpo di fulmine insomma, avvenuto non sui social, come avviene sempre più frequente oggi, ma di persona, guardandosi negli occhi e raccontandosi le proprie passioni - scrive Fabbri - Cosa c'è di strano? Nulla. O almeno non dovrebbe esserlo. Con questo post voglio aiutare anche io Theo a ritrovare la ragazza del treno, sperando che possa essere anche lei felice di ritrovarlo. In bocca al lupo Theo! Attendiamo fiduciosi gli sviluppi».

 

Ultimo aggiornamento: 14:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA