Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Volo cancellato, la compagnia riorganizza il viaggio ma separa la bimba di 13 mesi dai genitori: disservizio choc a Roma

Venerdì 22 Luglio 2022
Volo cancellato, la compagnia mette la bimba di 13 mesi su un altro aereo senza i genitori

Prima la notizia del volo cancellato, poi la scoperta choc: la compagnia aerea ha riprogrammato il viaggio dividendo il loro nucleo familiare, collocando la figlia di soli 13 mesi su un altro aereo, da sola, separata dai genitori. È la disavventura vissuta da Stephanie e Andrew Braham, una coppia australiana che, dopo un viaggio in giro per l'Europa, ha dovuto fare i conti con l'ennesimo disservizio di questa pazza estate ad alta quota. I due turisti, insieme alla loro bimba, dovevano tornare in Australia da Roma, quando la compagnia aerea Qantas ha comunicato loro che il volo era stato cancellato.

 

Volo cancellato, Qantas mette la bimba di 13 mesi su un nuovo aereo senza i genitori

Un danno non da poco, visto che Stephanie e Andrew hanno dovuto aspettare due settimane prima di poter ripartire, pagandosi da soli il soggiorno extra nella Capitale. Ma la notizia peggiore era un'altra: nel riorganizzare il viaggio, Qantas ha messo i due su un aereo e la loro figlia di 13 mesi su un altro. Immediati i reclami, ma non meno frustranti: la coppia ha passato quasi 21 ore in attesa, suddivise in 55 telefonate, prima di riuscire a risolvere il problema con il servizio clienti della compagnia aerea. 

Ai microfoni di Today, la madre ha raccontato: «Ci hanno detto che loro non avevano fatto niente di male, perché le avevano prenotato un biglietto. Inizialmente, hanno negato ogni responsabilità. Questa è Qantas». Dopo innumerevoli tentativi, alla fine la compagnia ha accettato i reclami e ha riorganizzato il viaggio alla famiglia, tutta unita, 12 giorni dopo la data prevista inizialmente. Ci sono «posti peggiori in cui rimanere bloccati», ha ironizzato la donna, ammettendo di non vedere l'ora di tornare in Australia.

 

Le scuse della compagnia

In una dichiarazione al Daily Mail Australia, Qantas si «scusa sinceramente» con la famiglia e spiega che un «errore amministrativo back-end» tra la compagnia aerea e il partner KLM ha causato lo spostamento della  bambina su un altro volo. «Stiamo contattando la famiglia per fornire supporto e li rimborseremo per il loro alloggio», ha detto una portavoce.

Ultimo aggiornamento: 25 Luglio, 09:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA