X Factor 2019, Malika Ayane insultata sul web per l'eliminazione di Michele pubblica i commenti degli haters: «Siate più responsabili»

Venerdì 11 Ottobre 2019 di Veronica Cursi
«Sei magrebina e vuoi fare l'alternativa eliminando l'unico di colore». E ancora: «Cretina, non capisci un ca...». «Tieni il ca.... in mezzo alle cosce», «Putt... razzista». Malika Ayane, la cantante in giuria a X Factor 2019, ricoperta di ingiurie e offese sessiste per avere eliminato uno dei concorrenti in gara, il romano Michele Sette. Il pubblico ha fischiato questa decisione. E lei ha spiegato: «Caterina Caselli mi ha insegnato che vince chi sbaglia di meno - spiega Malika alla sua squadra - le scelte giuste sono solo quelle meno sbagliate».

Ma il popolo del web non l'ha perdonata, ritenendo normale offenderla per il suo lavoro. «Mi sono svegliata molto amareggiata leggendo parte dei commenti alla puntata di ieri - scrive Malika, pubblicando una foto dei commenti ricevuti su Instagram -  Tranne alcuni molto creativi nell’inadeguatezza, il livello di linguaggio e di pensiero é veramente basso. Basso e violento. Inaccettabile. Non si tratta di orgoglio ferito perché contestata ma di delusione per come ancora in molti confondano la critica con l’offesa e per come il livore divori certe persone e ne accechi l’intelligenza. Le sole parole che si possono utilizzare con leggerezza, sono quelle d’amore. Per le altre vi consiglio di ragionare con calma e sceglierle con cura. Sono una donna adulta e strutturata quindi vi concedo di sentirvi dei paladini della giustizia per avermi chiamata ‘cogliona’ o ‘puttana razzista’. se al mio posto ci fosse stata una persona fragile o delicata avreste potuto fare dei danni. Siate più responsabili, siate l’esempio positivo».


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Mi sono svegliata molto amareggiata leggendo parte dei commenti alla puntata di ieri. Tranne alcuni molto creativi nell’inadeguatezza, il livello di linguaggio e di pensiero é veramente basso. Basso e violento. Inaccettabile. Non si tratta di orgoglio ferito perché contestata ma di delusione per come ancora in molti confondano la critica con l’offesa e per come il livore divori certe persone e ne accechi l’intelligenza. Le sole parole che si possono utilizzare con leggerezza, sono quelle d’amore. Per le altre vi consiglio di ragionare con calma e sceglierle con cura. Sono una donna adulta e strutturata quindi vi concedo di sentirvi dei paladini della giustizia per avermi chiamata ‘cogliona’ o ‘puttana razzista’. se al mio posto ci fosse stata una persona fragile o delicata avreste potuto fare dei danni. Siate più responsabili, siate l’esempio positivo .

Un post condiviso da Malika Ayane (@damalikessa) in data:


Il post ha ottenuto, neanche a dirlo, centinaia di like. Applausi da Laura Pausini, Alessia Marcuzzi, Alessandro Cattelan che conduce la trasmissione e dal profilo ufficiale di X Factor che scrive: «Ci fidiamo ciecamente di te». Anche Ambra Angiolini si schiera a fianco della cantante: «Sono anni che cerco di dire che tutto questo è peggio della “ plastica”, della “ politica”, della “ spazzatura”, perché questo fa marcire il mondo dalla radice.... stiamo diventando la causa e non l’effetto».
Ultimo aggiornamento: 12:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA