Dolci pasquali: dalla Pastiera alle Cardulas. Regione che vai, tradizione che trovi. Ecco i più conosciuti e apprezzati

Venerdì 7 Aprile 2017 di Eleonora Giovinazzo
Dolci pasquali: dalla Pastiera alle Cardulas. Regione che vai, tradizione che trovi. Ecco i più conosciuti e apprezzati
Stessa festività, tanti dolci. A Pasqua e Pasquetta le tavole italiane sono un piacere per gli occhi e soprattutto per il palato. Da Nord a Sud vengono sfornati dolci tradizionali diversi, che sicuramente vi sarà capitato di vedere o di assaggiare. Scopriamo insieme quelli più conosciuti e apprezzati. 

Colomba. Simbolo pasquale per eccellenza. Dalla Lombardia si è diffusa in tutta Italia, si tratta di un morbido dolce lievitato, con canditi e una croccante ricopertura di glassa e mandorle. 

Mecoulin o Pandolce di Cogne. Dolce tipico della Val d’Aosta, considerato un antenato del panettone. L’impasto a base di farina, panna, zucchero, uvetta e moltissime uova viene fatto lievitare per 15 ore. 

Ciambella pasquale. Tipica del Piemonte, è composta da un’amalgama di farina, zucchero, burro, fatto lievitare e poi arricchito con limone, anice e pinoli.

Pastiera. Dolce tipico della Campania, è uno dei dolci pasquali più amati. Si tratta di una crostata di ricotta ottenuto con un impasto a base di pasta frolla, grano bollito e canditi. 
 
 

Buon pomeriggio amici Ho voluto farla in anticipo per condividere la ricetta con voi Eccola qui sua maestà la PASTIERA Ricetta avuta da una cara amica napoletana verace I napoletani la preparano il venerdì Santo per gustarla il giorno di Pasqua Dosi per una pastiera da 22cm Fate una frolla classica senza lievito In un pentolino lasciate cuocere 200gr di grano con 50ml di latte una noce di burro e scorza grattugiata di limone e arancia per trenta minuti Frullate 250gr di ricotta fatta scolare con tre tuorli ,150gr di zucchero aggiungere anche il grano cotto, 250 gr di crema pasticcera (nella vera pastiera ci va ,se avete poco tempo potete prepararla in anticipo ) 1fialetta di fior d'arancio, un pizzico di cannella, un cucchiaio di liquore strega, 50gr di burro fuso, canditi a pezzetti (a me non piacciono e non li ho messi ),una bustina di vanillina e tre albumi montati a neve Stendete la frolla e rivestite base e pareti dello stampo Versate il ripieno e decorate con tre strisce verticali e tre orizzontali Forno preriscaldato a 180 per 1ora ...il colore deve essere ambrato Lasciare raffreddare 20 minuti nel forno spento con sportello semi aperto #don_in_cucina  #kings_masterchef #100ita  #cookmypassion #piattitipiciregionali  #top_art_food #italy_foods #yummyfood  #_ucooki #incucina  #homemadefood #sogood  #foodphotooftheday #thebestfood #foodpost #foodofinstagram #italianfood  #foodfollow #foodgraphy #foodgram #ilovecooking #foodlove #foodpic #bestfoodpics  #incucinaconleinstamamme #italianrecipes  #solocosebuone #pastiera #buonpomeriggio

Un post condiviso da @pina_pavone66 in data:



Scarcelle. Sono biscotti tipici pugliesi farciti con uova sode e personalizzati con diverse forme e decorazioni. 

Pitte con niepita. Tipici della Calabria, sono dei ravioli dolci cotti al forno. Per ottenere l’impasto si mescolano farina, zucchero e strutto; il ripieno è composto da marmellata d’uva, cannella, noci tritate, cacao e liquore. 

Zuccotto pasquale. Tipico dolce siciliano realizzato con pan di spagna bagnato nel liquore e farcito con panna, canditi e cioccolato. 

Pardulas o Casadinas. Sono piccoli dolcetti farciti e cotti al forno ottenuti impastando farina e burro e inserendo del formaggio nel ripieno (ad esempio pecorino o ricotta) insieme a scorza d’arancia o uvetta e diverse spezie.  
 
 

Ogni sabato mattina dovrebbe iniziare con un vassoio di pardulas #pardulas #breakfast

Un post condiviso da Silvio (@silvinhom12) in data:



Resta o Resca. Si tratta di una specialità lombarda dalla preparazione elaborata. E’ una focaccia dolce realizzata con tre impasti che prevedono l’utilizzo di acqua farina e lievito, cui poi si aggiungono frutta candita, burro e uvetta. Una volta cotta può essere farcita con panna o crema. 

Fugassa o Fugazza. Tipico del Veneto, è un pane dolce a base di farina, burro, zucchero, lievito, mandorle e vaniglia.

Corona pasquale. Dolce tipico del Trentino Alto Adige. Si tratta di un impasto intrecciato e cotto al forno composto da burro, farina, zucchero, scorza di limone, uova e latte.

Pinza pasquale alla triestina. Tipica del Friuli Venezia Giulia, è un pane dolce ottenuto da un impasto a due lievitazioni a base di farina, zucchero, burro, tante uova e del rum. 

Cavagnetti. Tipico dolce ligure a forma di cestino che accoglie un uovo al centro. Si ottiene mescolando farina e lievito e aggiungendo burro, zucchero e anice. 

Zembela. Si tratta di una pagnotta dolce tipica dell’Emilia Romagna ottenuta mescolando farina, lievito, strutto, latte e uova. 

Pasimata. E’ un dolce tipico della Toscana. Si tratta di un dolce povero insaporito con uvetta e semi di anice. 

Treccia dolce. Tipica del Molise, il suo impasto di farina e uova viene fatto lievitare per un giorno intero e successivamente viene lavorato con altre uova, burro, olio, zucchero e patate lesse schiacciate.

Pannarelle. Tipiche della Basilicata, sono impasti a forma di treccia chiusi in un cerchio che rievoca l’idea di un cestino.

Schiacciata di Pasqua. Tipica della Toscana, si ottiene con pasta di pane arricchita da burro e zucchero, oltre ad anici bagnati nel succo d’arancia, scorze di limone, mezzo bicchiere di sambuca e qualche cucchiaino di vin santo.

Cavalli e pupe. Dolci tipici della tradizione abruzzese, sono biscotti di pasta frolla che ospitano al centro un uovo sodo.

Pizza pasquale. Dolce tipico delle Marche ottenuto con un impasto a base di pasta di pane, fatta lievitare con zucchero, uova, burro, a cui vengono aggiunti canditi, uvette e un cucchiaio di maraschino.

Piccillato di Pasqua. E’ un dolce pasquale tipico delle zone calabresi. A base principalmente di farina, zucchero e strutto, viene aromatizzato all'arancia e farcito con delle uova sode.
 
 

La tradizione della nonna #piccillato #panedipasqua #paneconleuova #yummy 😋

Un post condiviso da Daniela Boldini (@boldini_daniela) in data:



Pigna dolce. Tipica del Lazio, è una pizza alta e soffice che contiene uvetta, canditi, vaniglia e diverse spezie, tra le quali anice e cannella.

Torcolo. Si tratta di un ciambellone tipico dell’Umbria realizzato impastando farina, burro, latte, uova e zucchero e aggiungendo canditi, uvetta, anice, pinoli e scorza di limone. Ultimo aggiornamento: 22:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA