Sicilia, riparte il turismo: 2,3 milioni di presenze in hotel e strutture extralberghiere

Lunedì 30 Agosto 2021
SHOWCASE - Sicilia, riparte il turismo: 2,3 milioni di presenze in hotel e strutture extralberghiere

In Sicilia riparte a pieno ritmo il settore del turismo proveniente dallo stivale e dall'estero. Nel 2021 l'isola ha regitrato un aumento del 110% di presenze straniere rispetto allo stesso mese del 2020 e a giugno addirittura di quasi il 500% rispetto a un anno fa. La previsione di incremento per tutta Italia, formulata dall'Istituto nazionale ricerche turistiche (Isnart), era di soli 30 punti percentuali. Gli arrivi dei vacanzieri italiani, inoltre, hanno recuperato i livelli pre-Covid, facendo registrare a luglio una crescita del 6 per cento sullo stesso mese del 2019, anno record del turismo nell'Isola. I dati provengono dalle rilevazioni Turistat relative ai primi due mesi dell'estate. Sono state circa due milioni e trecentomila le presenze complessive sull'Isola nelle strutture alberghiere ed extralberghiere. Ad agosto, inoltre, la tendenza è verso il tutto esaurito, anche se le conferme potranno arrivare dopo fine mese. Il confronto tra l'estate 2021 e quella del 2020 vede tutti i numeri in crescita. Un trend scontato, vista la crisi nera causata dalla pandemia l'anno scorso, ma ben oltre le previsioni. In dettaglio, a giugno complessivamente c'è stata un'impennata del 74 per cento negli arrivi (185.642) e del 125 per cento nelle presenze (548.577). 

 

Sicilia zona gialla, l'affondo del Prefetto: «Molti non vogliono indossare la mascherina»

Gli italiani arrivati in Sicilia (151.907) sono aumentati del 53 per cento e le presenze (425.242) in media del 97 per cento. Gli arrivi degli stranieri  (33.735) hanno registrato un +470 per cento e le presenze (123.335) una crescita del 540 per cento. In salita anche i dati di luglio rispetto a un anno fa: per gli italiani +15 per cento gli arrivi (390.890) e +28 per cento le presenze (1.250.116); per gli stranieri +109 per cento gli arrivi (133.240) e un conseguente incremento del 107 per cento delle presenze (466.276). In raffronto al 2019 c'è da annotare il dato di luglio, con gli arrivi italiani superiori del 6 per cento rispetto a quelli dello stesso mese di due anni fa e una piccola flessione delle presenze, pari al 3,6 per cento. Complessivamente, tra connazionali e turisti esteri, a luglio ci sono stati un 22 per cento di arrivi in meno e il 31 per cento di presenze in meno.

Ultimo aggiornamento: 15:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA