Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gigi D'Alessio, trent'anni di canzoni: -7 alla festa al Plebiscito con «friends»

Sabato 11 Giugno 2022 di Gigi D'Alessio
Gigi D'Alessio, trent'anni di canzoni: -7 alla festa al Plebiscito con «friends»

Ci siamo quasi, mancano sette giorni, il tempo adatto a marcare con un conto alla rovescia l'avvicinamento alla mia festa, alla vostra festa, alla nostra festa.

Trent'anni di canzoni da ricordare/celebrare «with friends», come si dice ora, nel salotto buono della città. I nomi? Qualcuno lo conoscete già - Fiorello e Amadeus - e qualcuno ve lo rivelerò strada facendo. Ci vediamo il 17 in piazza del Plebiscito e su Raiuno, ma poi anche il 18, che la voglia di fare musica dopo tutto il tempo perso per la pandemia è forte, troppo forte.

Mi godo l'attesa e anche il count down, le prove con l'orchestra, la band, il maestro Adriano Pennino, i «friends»... Mi godo Napoli con il caldo di questi giorni e anche mille problemi, soprattutto burocratici, che non mi tolgono un briciolo di entusiasmo. Mi godo anche i ricordi: i trent'anni li conto dal primo lp, «Lasciatemi cantare», del 1992. Il titolo era insieme un grido e un'esortazione, volevo farcela, ma non era facile, non avevo alle spalle una grande casa discografica, né un manager famoso, o chissà quale strategia. Capii che qualcosa stava succedendo al mio primo concerto, credo fossimo ormai nel 1993: abituato alle cerimonie mi presentai al teatro Arcobaleno di Secondigliano con qualche timidezza, tra l'altro avevo un repertorio decisamente corto, gli otto brani di quel disco che conteneva «Cient'anne», il duetto con Mario Merola - sempre sia lodato - che mi regalò la prima notorietà. All'entrata c'era uno strano via vai di persone: erano dei bagarini, la loro presenza significava che la carriera di Gigi D'Alessio stava iniziando davvero, che non era solo un'illusione. 

Video

Da quel teatrino alle telecamere di Raiuno, alla piazza che già mi sono tolto lo sfizio di riempire d'estate e d'inverno, di strada ne ho fatta, anzi ne abbiamo fatta. Ho sempre sentito l'affetto del pubblico come la seconda cosa, dopo il mio pianoforte, indispensabile per fare musica. Le mie canzoni non esisterebbero senza quello straordinario feedback che è sentirle cantare in coro da spettatori di tutte le età, di tutti i quartieri, di tutta Napoli.
Dopo il Covid, in piena guerra, vi prometto che mi impegnerò al massimo per distrarvi, per intrattenervi, per giocare, per divertirvi, divertendomi, si intende. È la mia festa, è la nostra festa. Chissà che vita fanno oggi i bagarini del teatro Arcobaleno di Secondigliano: se sono arrivato sin qui un po' lo devo anche a loro. 

Ultimo aggiornamento: 12 Giugno, 09:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA