Kaufmann, emozioni da star
per un evento unico

di Davide Cerbone

Il conto alla rovescia è cominciato e poi sul palco del Teatro di San Carlo arriverà Jonas Kaufmann. Il tenore più famoso del mondo nel teatro d’opera più bello del mondo. Un evento unico, quello organizzato da «Il Mattino», che promuoverà l’incontro tra la città della melodia e il fuoriclasse della lirica.

Il gala avrà inizio alle 20 con un’ouverture dell’ensemble del San Carlo, che eseguirà «Funiculì Funiculà» nella versione orchestrale di Rimsky-Korsakov, quasi un inno nazionale, e «Canti del golfo di Napoli» di Renzo Rossellini, insieme popolari e raffinatissimi. Ma prima l’attore Claudio Di Palma darà il via allo spettacolo interpretando due monologhi scritti per l’occasione dal regista e drammaturgo Ruggero Cappuccio, presentando poi al pubblico la leggenda di Jonas Kaufmann e il significato straordinario della sua presenza al San Carlo di fronte alle più alte autorità del Paese. L’appuntamento con l’omaggio alla canzone napoletana e con il tenore che finora ha cantato a Napoli solo una volta (era il 2004, quando si cimentò con «La creazione» di Haydn) vedrà in sala il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e i ministri dei Beni Culturali, Dario Franceschini, dell’Istruzione, Stefania Giannini, e dell’Interno, Angelino Alfano, insieme con importanti personalità del mondo della cultura, dello spettacolo e dello sport. Seguirà un breve filmato di montaggio della prova aperta che si sarà svolta in mattinata di fronte agli studenti dei quattro Conservatori della regione (Napoli, Benevento, Avellino e Salerno) e anche qui, all’incontro con i ragazzi, sarà presente il ministro Giannini. Un evento unico, ancora una volta, attesissimo dai giovani allievi e dai loro docenti, ripreso dalle cineprese dei filmaker di Giffoni Experience.

Poi sarà la volta di Jonas Kaufmann: con il direttore de «Il Mattino», Alessandro Barbano, il tenorissimo terrà una conversazione sui temi che gli stanno a cuore: l’amore per la musica e per il Belpaese, per la sua lingua e la sua cultura e per lo stile di vita. Il colloquio sarà arricchito da alcuni contributi video di celebri performance di Kaufmann (a Monaco e a Londra nel 2014, a Salisburgo e al Teatro alla Scala di Milano nel 2015) e toccherà, con Barbano, temi nodali del suo essere artista a tutto tondo, dalla recitazione sul palco e sul set alle doti attoriali e al ruolo avuto da Kaufmann nelle «Casanova Variations» di John Malkovich; dal controllo delle emozioni in scena alla tecnica vocale e alle canzoni classiche italiane e napoletane contenute del nuovo album del tenore, di prossima uscita.

Accompagnato al pianoforte da Stellario Fagone Kaufmann ne anticiperà alcune, scegliendole tra i classici più noti dell’immenso canzoniere partenopeo. Un grande regalo per i tanti fan e per il pubblico di una serata eccezionale.
Ad aggiungere un ulteriore tocco di classe al gala ospitato dal San Carlo, gli interventi scenografici disegnati e realizzati per l’evento da Mimmo Paladino, uno dei più grandi artisti contemporanei. L’evento, nel suo insieme, segue giusto di un anno il primo «Senso del Mattino» (così s’intitolavano l’iniziativa e il docufilm girato sul giornale di via Chiatamone e sul suo rapporto con la città dalla struttura ideativa e produttiva di Giffoni), presentato nella storica sede del Lirico sancarliano alla presenza del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, di diversi ministri, delle più alte cariche dello Stato e di numerose personalità del mondo della cultura, dello spettacolo e delle arti.

L’attesa, dunque, cresce. E lo stesso Kaufmann ha voluto sottolinearne l’unicità in un messaggio che è come una promessa entusiasmante: «Non vedo l’ora di tornare a Napoli». Soprattutto, nel corso della serata di gala con la quale la città gli renderà omaggio, il celebre tenore ricambierà con un tributo alla sua espressione artistica più alta, l’antica melodia classica. Una scelta in assonanza e in continuità con quanto Kaufmann ha voluto dedicare all’Italia con il suo nuovo album, che uscirà il 7 ottobre. Il titolo è «Dolce Vita» e sulla copertina ci sono i colori della nostra bandiera: più chiaro di così.
Lunedì 12 Settembre 2016, 11:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP