Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L’Autorità di Sistema Portuale Campano punto di riferimento nel Mediterraneo

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA
Giovedì 30 Giugno 2022
L’Autorità di Sistema Portuale Campano punto di riferimento nel Mediterraneo

Il presidente Annunziata: «Crescita possibile grazie alla pianificazione»

Tre porti campani e un sistema protagonista nelle relazioni commerciali e nello sviluppo cantieristico del mar Tirreno. L’Autorità di Sistema Portuale Campano – formata dai porti di Napoli, Salerno e Castellammare di Stabia – ha l’obiettivo di diventare un punto di riferimento nel cuore del Mediterraneo.
In questa particolare fase storica l’Autorità di Sistema Portuale sta registrando un aumento della fiducia da parte dei mercati con un incremento di player internazionali pronti ad investire e scegliere gli scali di Napoli, Salerno e Castellammare di Stabia. «Tutto questo è possibile grazie a un’attenta pianificazione di progetti a medio e lungo termine, e ai finanziamenti del Pnrr che hanno acceso i riflettori sul nostro sistema portuale», ha spiegato Andrea Annunziata, presidente del AdSP del Mar Tirreno Centrale.

IL DOCUMENTO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Un grande impulso è stato dato dal Documento di Pianificazione Strategica (DPSS). Con questo atto – che insieme ai Piani Regolatori Portuali dei singoli scali marittimi costituisce il Piano Regolatore di Sistema Portuale – sono stati, infatti, pianificati gli obiettivi di sviluppo di medio/lungo periodo della portualità di sistema, coerentemente con quanto stabilito dal Piano Nazionale dei Trasporti e della Logistica (PNTL), dalle direttive europee in tema di portualità e dal Piano Strategico Nazionale della Portualità e della Logistica (PSNPL). Le previsioni di sviluppo contenute nel DPSS sono state preliminarmente oggetto di un confronto partecipativo con tutte le componenti del sistema portuale riunite nell’Organismo di Partenariato Risorsa Mare ed hanno ottenuto il parere favorevole da parte delle Amministrazioni Comunali di Napoli, Salerno e Castellammare di Stabia.

II PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) prevede un pacchetto di investimenti e riforme articolato in sei missioni. Il Piano promuove un’ambiziosa agenda di riforme, e in particolare, le quattro principali riguardano: pubblica amministrazione; giustizia; semplificazione e competitività. In questo ambito sono stati stanziati 400 milioni di euro per l’Autorità di Sistema Portuale Campano. «Con questi soldi siamo pronti ad integrare i porti alle città – ha sottolinea il presidente dell’ AdSP del Mar Tirreno Centrale Andrea Annunziata – per troppo tempo le aree portuali sono state intese come spazi abbandonati e degradati. Adesso non è più così, a Napoli abbiamo la metropolitana che arriva al porto e dobbiamo riqualificare tutti gli edifici preesistenti. Inoltre dobbiamo attrezzarci per investire in energie alternative. A Salerno ad esempio già sfruttiamo l’energia prodotta dal moto ondoso».

L’IMPORTANZA DELLE ZONE ZES

La Campania è la prima Regione ad aver ottenuto il via libera all’istituzione delle aree ZES e ad aver formalizzato la costituzione del Comitato di Indirizzo nella pienezza dei suoi componenti.

 Le Zone economiche speciali, sono aree portuali, retro portuali o piattaforme logistiche in cui le imprese potranno investire con incentivi fiscali definiti dalla legge (credito di imposta per gli investimenti, semplificazioni amministrative, altri benefici che le singole Regioni intendono definire).

«Queste zone sono importantissime – ha spiegato ancora Annunziata – e devono essere – perimetrate nuovamente. Siamo in contatto costante con la Regione Campania con il Comitato di Indirizzo e lo stesso Commissario, per velocizzare le procedure».

L’EVENTO SEA SUN

Sea Sun Salerno, è l’ evento promosso dall'Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale in collaborazione con l'amministrazione comunale e con il patrocinio morale di altri soggetti istituzionali. Questa unione ha permesso, già negli scorsi anni, la realizzazione di un’Arena, installata al sottopiazza della Concordia, confinante con il limite nord del Porto “Masuccio Salernitano”, che ha consentito nei mesi estivi lo svolgimento di attività culturali con spettacoli musicali, teatrali, cinematografici…ecc.  La struttura sarà installata nel periodo compreso tra il 16 luglio e il 30 luglio, e nell’ambito dell’Arena del Mare, l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale svolgerà con la serata inaugurale del 16 luglio alle ore 20:30 la XX edizione della manifestazione istituzionale denominata “Sea Sun Salerno”, dove coglierà l’occasione per un confronto tra le Istituzioni con un dibattito dedicato al tema “Comunità energetiche, ZES e Zone Franche Doganali: questo è il futuro”, nonché uno spettacolo ad ingresso gratuito, e la 34ma edizione della rassegna d'arte e cabaret "Premio Charlot". I due eventi sono sostenuti da Regione Campania e Comune di Salerno.