Qual è la migliore agenzia SEO di Napoli e cosa può fare per il tuo sito web?

Qual è la migliore agenzia SEO di Napoli e cosa può fare per il tuo sito web?
A cura di PIEMME S.p.a - INFORMAZIONE PUBBLICITARIA
Mercoledì 16 Novembre 2022, 11:46
4 Minuti di Lettura

Ogni sito web ha bisogno di visibilità e, per ottenerla, non può fare a meno di ricorrere a delle precise strategie SEO. Con questo termine si intende la Search Engine Optimization, un concetto essenziale da padroneggiare se si vuole capire in cosa investire quando si gestisce un portale online, sia esso di e-commerce o di altra natura: tra le tante, spicca un’agenzia SEO a Napoli che offre consulenza e si occupa di ottimizzazione dei siti web per il miglior motore di ricerca, Google. Con il team di esperti SEO, sono stati individuali i punti cruciali dell’ottimizzazione web. Scoprire perché tutto questo è importante è un passo essenziale per gestire al meglio le proprie strategie e i propri investimenti, e capire dunque a chi rivolgersi per ottenere i risultati desiderati.

SEO: perché è così importante?

Traducendo dall’inglese il significato di SEO, con questo termine si intende l’Ottimizzazione di un sito per i Motori di Ricerca. È evidente che il primo motore di ricerca di cui tenere conto sia Google, su cui avvengono la maggior parte delle ricerche effettuate dagli utenti di internet. Google, come è noto ai più, regola il posizionamento di tutti i siti esistenti nelle sue SERP in base a un algoritmo, che tiene conto di moltissimi fattori e del loro intreccio: la SERP altro non è che la Search Engine Results Page, ossia la Pagina dei Risultati offerta dal Motore di Ricerca.

Una volta padroneggiati i concetti di SEO e SERP, per capire meglio l’importanza delle strategie di ottimizzazione bisogna considerare che, nelle SERP, gli utenti non vanno praticamente mai oltre la prima pagina di risultati offerta da Google. Non paghi di ciò, spesso e volentieri gli internauti valutano soltanto i primi tre link della prima pagina di risultati, per poi effettuare il click soltanto sul primo, investendo così Google e il suo algoritmo di piena fiducia.

È dunque evidente che apparire in alto nella prima pagina della SERP sia un passo fondamentale per dare visibilità al proprio sito web: posizionare il proprio portale in testa alla pagina dei risultati garantisce effettivamente un enorme vantaggio su tutti i competitor che, a parità di ricerca effettuata dagli utenti, si trovano più in basso, là dove i naviganti non vanno mai. Da questo punto, deriva l’importanza di una buona strategia SEO, tutta volta all’ottimizzazione del sito per un migliore posizionamento da parte di Google.

La SEO per conoscersi meglio

Che sia chiaro: un’azienda non vive di sola SEO, ma è anche vero che questa può fare molto più di garantire la corretta presenza online di un sito web. La SEO infatti ha un ruolo chiave nella definizione stessa del brand, in un senso capace di andare molto oltre la sua esistenza digitale.

In primo luogo, il processo di ottimizzazione per Google garantisce una migliore conoscenza delle parole chiave inerenti alla propria azienda, su cui è necessario lavorare con consapevolezza per definire meglio il proprio brand e capire, allo stesso tempo, cosa si aspetta il proprio target di riferimento da una ricerca a tema. In fondo, è questo il primo passo per definire una strategia di marketing digitale: definirsi e capire da chi si desidera essere conosciuti e riconosciuti.

Ovviamente, non ci si può aspettare che la propria azienda venga trovata automaticamente dagli utenti: una buona strategia SEO, pensata per posizionare in alto uno specifico sito, deve saper costruire attorno al portale una solida rete di link che gli garantiscano visite e allo stesso tempo importanza. Proprio questa rete di link è interpretata da Google come segno di fiducia da parte di siti autorevoli: il motore di ricerca allora premia questa fiducia garantendo al sito linkato un miglior posizionamento nella SERP.

Il tutto, ovviamente, richiede una coerenza che deve essere implicita al brand: la sua evoluzione e quella della strategia elaborata con i migliori consulenti SEO vanno di pari passo, garantendo una crescita sensibile al brand, che va molto al di là del posizionamento nella SERP. Si tratta dunque di uno stimolo continuo: se il sito dell’azienda vuole restare in alto tra i risultati di Google, deve comportarsi di conseguenza, soddisfacendo quei criteri che una buona strategia SEO impone.

La SEO dalla parte dell’utente e dell’azienda

Fare SEO non vuol dire dare vantaggi esclusivamente a un’azienda. Il punto sta tutto nell’algoritmo di Google, che tendenzialmente privilegia la qualità dei contenuti, piuttosto che la loro quantità. Un sito ben scritto, con contenuti aggiornati e ben ottimizzati, risulterà molto più valido di un portale che non rispetti questi criteri e che potenzialmente può non offrire agli utenti di internet quello che cercano.

Allo stesso tempo, vengono premiate anche le ottimizzazioni per dispositivi mobili, secondo cui siti veloci e leggeri nel caricamento andranno valutati meglio di portali più lenti e pesanti: in questo caso, l’azienda e il suo sito vengono valutati secondo l’esperienza di navigazione che possono offrire al loro utente in visita. Quest’ultimo tende ad abbandonare i siti molto lenti, che dunque finiscono per perdere posizioni nella SERP e visitatori, tra cui si nascondono di certo clienti potenziali che l’azienda difficilmente riuscirà a conquistare, se non offre loro un’esperienza di navigazione ottimale.