Treni e aerei in ritardo:
«Così otteniamo i risarcimenti»

A CURA DI PIEMME S.p.a
I ritardi di treni e aerei provocano danni consistenti agli utenti. Come chiedere un risarcimento? «L’indennizzo è automatico poiché è previsto dalla legge: basta fare reclamo attraverso il sito web della compagnia. Per il risarcimento è, invece, necessario rivolgersi a uno studio legale, come il mio» spiega l’avvocato Antonio Laudando, presidente dell’associazione consumatori Udicon. «Se il ritardo di un aereo, ad esempio, comporta per il cliente la perdita una chance lavorativa è necessario che lui venga rimborsato per ciò che ha subìto».
 
 

L’azione legale è gratuita. «Basta iscriversi alla nostra associazione» sottolinea Laudando. «Da poco una coppia di sposi ha ricevuto attraverso il nostro supporto un risarcimento di 1600 euro per 6 ore di ritardo del volo poiché aveva perso anche una notte in albergo, per cui abbiamo fatto causa per vacanza rovinata».

Può chiedere il risarcimento anche chi perde il proprio bagaglio. «Abbiamo, a titolo di esempio, una causa contro Alitalia per 20mila euro per una persona che si è recata a Miami e non ha ricevuto il suo bagaglio».
 

STUDIO LAUDANDO
www.studiolaudando.it
studiolaudando@gmail.com
tel. 081.5209150
Lunedì 1 Aprile 2019, 12:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA


QUICKMAP