P.a: stretta Eurocamera su ritardo pagamenti a Pmi

P.a: stretta Eurocamera su ritardo pagamenti a Pmi

STRASBURGO - Contrastare il ritardo dei pagamenti alle imprese europee da parte della pubblica amministrazione. È l'obiettivo della relazione approvata oggi dall'Eurocamera a Strasburgo con 570 voti favorevoli, 23 contrari e 26 astensioni. "In Europa 6 imprese su 10 sono pagate in ritardo rispetto a quanto stabilito nel contratto. Con questa proposta introduciamo un maggiore sforzo per pagare entro i 30 giorni, una maggiore trasparenza riguardo il comportamento in materia di ritardo nei pagamenti, una white list per promuovere le imprese che si comportano correttamente e forme di compensazione obbligatorie e adeguate a livello fiscale", afferma la relatrice del testo, l'eurodeputata di Forza Italia (Fi) Laura Comi.

 

Gli eurodeputati sottolineano l'importanza di effettuare controlli più rigorosi sui termini di pagamento, nonché di avere adeguate forme di compensazione obbligatorie per le imprese in attesa delle somme dovute da parte delle autorità pubbliche. La direttiva attualmente in vigore consente termini di pagamento oltre i 60 giorni, ma gli eurodeputati vogliono ridurre tali termini a 30 giorni.

 

 

Giovedì 17 Gennaio 2019, 20:00 - Ultimo aggiornamento: 17-01-2019 18:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA


QUICKMAP